Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Sandro Mazzola, dal padre Valentino leggenda del Grande Torino ai quattro figli con la moglie Graziella

  • a
  • a
  • a

Alessandro Mazzola, conosciuto semplicemente come Sandro, è un ex calciatore e dirigente italiano, uno dei campioni più amati dai tifosi. Nato a Torino l’8 novembre 1942, figlio di Valentino, autentico mito del pallone (capitano del Grande Torino) che fin da bambino lo portava al Filadelfia come mascotte e al quale si è avvicinato molto (pur non riuscendo a eguagliarlo). Fu l’Inter ad adottarlo in tenera età, affidandone la preparazione a Meazza e Lorenzi.

 

 

Il suo debutto in serie A avvenne il 10 giugno 1961 contro la Juventus (9-1 a favore dei bianconeri): Mazzola giocava da centrocampista qual era in gioventù nel solco del padre e segnò su rigore il cosiddetto gol della bandiera. Fu Herrera a volerlo attaccante “puro” e in quel ruolo Sandro giocò le sue stagioni migliori, firmando autentiche prodezze: un gol al Vasas in Coppa dei Campioni, con i giocatori della difesa ungherese dribblati più volte prima del tocco nella porta vuota, e un altro con la Nazionale alla Svizzera, dopo un sensazionale palleggio aereo, concluso da una mezza rovesciata.

 

 

E’ entrato nella storia del calcio come campione d’Europa nel 1968 e vicecampione del mondo nel 1970 con la Nazionale italiana. Con la Grande Inter di Herrera ha vinto Scudetti, Coppe dei Campioni e Intercontinentali. Sandro è famoso per essere appunto anche il figlio di Valentino (Mazzola) lo sfortunato giocatore del grande Torino morto nella tragedia aerea di Superga. Sandro ha indossato la maglia della nazionale per ben 70 volte segnando 22 reti. Per quanto riguarda la vita privata, ha sposato sua moglie Graziella dal quale non si è più separato. Dalla loro unione sono nati ben quattro figli: prima sono arrivate le figlie Ilaria e Valentina, poi il terzogenito Sandro Junior e Paolo. Sandro Mazzola tra gli ospiti protagonisti di Meraviglie La penisola dei tesori, in onda su Rai1 martedì 11 gennaio.