Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Serie A, Inter-Juve 1 a 1 con polemiche: Inzaghi espulso, bianconeri su rigore all'89esimo

  • a
  • a
  • a

La Juventus riacciuffa nel finale lo scontro diretto delicatissimo in chiave Champions contro l'Inter a San Siro. Al gol di Edin Dzeko al 17’ del primo tempo risponde Paulo Dybala entrato nella ripresa, su calcio di rigore all’89’. Con questo risultato i nerazzurri si portano a 18 punti in classifica mentre la squadra di Allegri salgono a 15. Rispetto alla gara con lo Sheriff, Inzaghi rilancia dal 1’ Bastoni, Darmian e il recuperato Calhanoglu e rispedisce in tribuna Vidal, vittima di influenza. Mentre Allegri torna alla difesa a 3 restituendo una maglia a Danilo, Chiellini e Cuadrado, con Kulusevski in avanti preferito a Chiesa vicino a Morata. La prima occasione al 5’ è per l’ Inter su calcio d’angolo dalla destra svetta Skriniar ma il colpo di testa termina oltre la traversa. All’8’ risponde la Juve: su corta respinta della difesa nerazzurra, dopo una punizione dalla trequarti, prova il destro dal limite Morata ma la conclusione centrale è respinta da Handanovic addosso a Alex Sandro che, pressato da tre nerazzurri, tocca debolmente verso la porta consentendo a Handanovic di bloccare a terra. Inter in vantaggio al 17’: Calhanoglu prova il destro da fuori: palla che, leggermente deviata da Locatelli, colpisce il palo interno alla sinistra di Szczesny e torna a centro area dove c’è Dzeko che di controbalzo destro insacca a porta vuota per l’1-0.

 

 

Il vantaggio arriva con la Juve in dieci per l’infortunio a Bernardeschi che viene sostituito dopo il gol da Bentancur. La squadra di Allegri reagisce e al 23’ Cuadrado prova il destro dal limite che termina alla destra di Handanovic. Nel finale di primo tempo ci prova Bonucci ma la conclusione da dentro l’area finisce alta. Nella ripresa la Juve tenta di recuperare lo svantaggio e l’ Inter prova a gestire la gara e il vantaggio sfruttando le ripartenze. Al 53’ Kulusevski entra in area sulla destra e centra basso in mezzo dove però non c’è alcun compagno. Al 60’ cross dalla trequarti destra di Barella per Dzeko che di testa spedisce il pallone a lato alla sinistra di Szczesny. L’occasione per il raddoppio arriva al 64’ con Perisic che va via in contropiede, entra in area sulla sinistra e prova il destro a giro ma la palla alta. Risponde Morata che prova il colpo di testa in anticipo vedendo con la coda dell’occhio Handanovic in uscita ma il pallone termina a lato. Allegri inserisce Chiesa e Dybala e con l’argentino la pericolosità dei bianconeri aumenta.

 

 

Al 72’ Dybala calcia direttamente in porta con Handanovic che vola sulla sinistra e respinge. Un minuto dopo ancora Dybala prova il sinistro dal limite, palla che sbatte addosso a Chiellini, in netto fuorigioco, e termina abbondantemente a lato. La gara cambia all’87’ con il check in corso per un possibile rigore per la Juve per un contatto al limite tra Dumfries su Alex Sandro. L’arbitro Mariani va a rivedere l’episodio per una gamba tesa di Dumfries che ha toccato in ritardo Alex Sandro proprio sulla linea del limite dell’area, rigore per la Juve. Dybala calcia alla destra di Handanovic e firma l’1-1 con Simone Inzaghi che viene espulso per proteste. L’ Inter si getta in avanti nel recupero per vincere ma senza successo e il derby d’Italia termina 1-1 ma le polemiche non mancheranno