Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Nibali vittoria e lacrime nella sua Sicilia: in trionfo dopo oltre due anni. Il video

  • a
  • a
  • a

Vincenzo Nibali torna alla vittoria, 27 mesi dopo l'ultima volta. Un'eternità per il campione azzurro ma capace - oggi venerdì 1 ottobre 2021 - di regalarsi (e regalare) un'emozione unica: vincere a braccia alzate nelle strade in cui giocava con la bici da bambino. Nibali infatti è arrivato a braccia alzate nella Sant’Agata di Militello - Mascali, 180 chilometri, quarta tappa del Giro di Sicilia. Un colpo perfetto quello del siciliano che diventa così per la prima volta profeta in patria: si prende tappa e classifica generale, primi successi del suo biennio con la Trek Segafredo che lascerà alla fine della stagione per tornare in Astana dove ha vissuto le sue annate più entusiasmanti. 

 

 

Nibali è partito stamani in decima posizione e 13" di ritardo dal leader Alejandro Valverde (Movistar) in classifica generale. Aveva messo nel mirino questa tappa di montagna, che ben conosceva, e quando mancavano 22 chilometri alla fine, sulla salita Sciarra di Scorciavacca - uno dei versanti dell’Etna - ha dato una rasoiata a cui nessuno è riuscito a replicare. Ci ha provato Lorenzo Fortunato e poi anche Romain Bardet, ma entrambi sono rimbalzati indietro. Valverde ha provato a gestire ma in vetta Nibali ha scollinato con 39" che sul traguardo - dopo una discesa pennellata a tutta - sono diventati 49". E dopo la linea d'arrivo ecco le lacrime del campione dopo mesi sfortunati e qualche critica di troppo.

 

 

"Vincere qui, sulle strade dove pedalavo da bambino, è speciale. Sento un'emozione indescrivibile. Conoscevo queste strade, soprattutto la discesa finale. Vedere amici e tifosi è stato bellissimo, non riesco a trovare le parole per descrivere quello che sento. Era da un po’ che non riuscivo a centrare un successo. Ho provato ad avvantaggiarmi sull'ultima salita, sentivo alla radio che il vantaggio restava costante, conoscevo bene la discesa finale e ho cercato di spingere a tutta fino al traguardo. Questo successo mi da morale e fiducia per Il Lombardia di settimana prossima". E chissà che Nibali non possa regalarsi il tris nella classica delle foglie morte.