Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Volley, ci sono anche due umbri sul tetto d'Europa

 marconi e favoriti

La ternana Favoriti è il medico della Nazionale femminile, Marconi di Selci è il fisioterapista

  • a
  • a
  • a

Indirettamente anche l’Umbria ha contribuito  alla vittoria delle azzurre agli Europei di pallavolo della Serbia. Nello staff della nazionale, infatti, ci sono il medico sportivo Alessandra Favoriti di Terni ed il fisioterapista Andrea Marconi di Selci Lama. Alessandra fa parte dello staff della nazionale dal 2015, nei primi anni con le giovanili e dal 2018 con la prima squadra. “Quando mi hanno offerto la possibilità di entrare nello staff – racconta - ho accettato subito. La pallavolo è il grande amore della mia vita e da ex pallavolista mi fa estremamente piacere fare parte di questa realtà, ancora sento l'adrenalina del campo”. Siete partiti per gli Europei sperando in questo risultato? “Siamo partiti con grandi aspettative, non penso sopravalutandoci ma perché consapevoli della nostra forza. Motivo per cui il risultato delle Olimpiadi, dove siamo uscite ai quarti, ci aveva colpito molto perché sapevamo di poter fare molto di più. Non è stato facile approcciarci a questi europei perché la voglia di riscattarsi era tanta ma la paura di fallire a volte fa più paura della possibilità di vincere. I complimenti vanno alle ragazze che sono riuscite ad arrivare in finale esprimendo la più bella pallavolo che potessero mettere in campo e lo hanno fatto contro la Serbia a Belgrado con 20mila persone che ci fischiavano addosso. E' stato bellissimo. Soprattutto in questo periodo di Covid, dove i palazzetti sono stati sempre vuoti, ritrovarsi tutta questa gente presente è stato stupendo”.

 

Secondo lei chi è stata la trascinatrice del gruppo? “Non c'è stata una vera e propria trascinatrice. Tutte e 14 le ragazze lo sono state. E' stata la vittoria del gruppo che ci ha insegnato negli anni che il singolo, per quanto possa essere forte, non va da nessuna parte. Quando si gioca in 14 si è imbattibili. Poi, non possiamo nasconderci dietro il fatto che abbiamo avuto la MVP del torneo, Paola Egonu, che dal punto di vista tecnico è la nostra trascinatrice”. Come vede il futuro lavorativo di Alessandra? “Non ci penso e non ci saranno vacanze per me. Già da lunedì (oggi, ndr) sarò al Liberati con la Ternana e ne sono molto contenta. Il calcio mi è mancato molto e la squadra ha già iniziato la preparazione. Dopo la soddisfazione della promozione adesso dobbiamo goderci la serie B e non vedo l'ora di lavorare con questo bellissimo staff e gruppo. Mi sento una privilegiata vestire la maglia azzurra con la pallavolo e quella rossoverde con il calcio”.

 

Nello staff della nazionale, come detto, c’è anche l’umbro Andrea Marconi che Alessandra definisce il “suo braccio destro”. “Insieme al preparatore Alessandro Mattiroli – conclude – siamo riusciti a gestire bene tutte le situazioni che si sono presentate, da piccoli infortuni a patologie croniche, e per questo li ringrazio”. Soddisfatto del risultato anche Andrea che dichiara: “E' stata una trasferta molto impegnativa ma alla fine la gioia è stata talmente grande che ne è valsa la pena. E' stata un'estate abbastanza lunga però siamo molto felici di questo successo”.