Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Berrettini, caccia all'impresa contro Djokovic. Il serbo su Matteo: "Lui è come Del Potro"

  • a
  • a
  • a

Matteo Berrettini ha conquistato i quarti di finale dello Us Open. A New York, sui campi in cemento di Flushing Meadows, il tennista romano ha avuto la meglio della rivelazione tedesca Otte in quattro set e ora si appresta a cercare l'impresa contro il numero uno al mondo, Novak Djokovic. Intanto si gode il suo punto di forza: "Il mio servizio? Me lo sono costruito attraverso cesti e cesti di battute insieme al mio coach Vincenzo Santopadre - ha ricordato qualche giorno fa -. Nessuno dall'altra parte a rispondere, solo tanti servizi cercando di trovare il rendimento migliore. Da giovanissimo, immaginavo di trovarmi a giocare una partita importante, e di essere sul 4-4 e 30-30, per capire come avrei servito sotto pressione. Sapevo che quel lavoro mi sarebbe servito in futuro". 

 

 

Nessun complesso di inferiorità per Matteo: "Mi sento comunque già al livello degli altri: è vero, sono stato fermo, ma ogni volta che sto bene riesco a giocarmela alla pari. Con Zverev ho perso in finale a Madrid, con Tsitsipas a Roma, ma loro sanno che la partita c’è; poi magari loro sono più continui ma sono contento del mio stato di forma attuale - ha affermato nel corso degli Us Open -. Queste partite le vince chi gioca nei momenti importanti meglio dell’altro: è un aspetto dei match su cui rivolgo molta attenzione e nei quali cerco di giocare con ancor più concentrazione, per capire al meglio cosa fare e come farlo. Alla fine le partite di tennis si giocano su pochi ma decisivi momenti"

 

 

Intanto il suo prossimo avversario, Nole Djokovic, a caccia del grande Slam, ha rivelato di temerlo e non poco. "Insieme con Del Potro è probabilmente il giocatore più potente che abbia mai incontrato - ha sottolineato il serbo dopo il successo agli ottavi contro Brooksby - Il suo servizio e il suo diritto sono armi letali e se è in giornata con quei due colpi è davvero difficile giocare con lui. Spero di poter confermare il risultato dei nostri incontri negli ultimi due tornei dello Slam". Djokovic ha infatti battuto Berrettini sia al Roland Garros che ovviamente, come tutti ricordano, nella finalissima di Wimbledon.