Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Fere, Pochesci sbotta: "Critiche ingiuste prima di iniziare"

Roberto Minelli
  • a
  • a
  • a

Duro sfogo di mister Pocheschi al termine dell'amichevole contro il Partizani Tirana. L'avvio, incentrato sui progressi evidenziati dalle Fere, è soft. “Siamo in crescita – spiega il tecnico romano – e se non siamo forti come il Real Madrid non siamo neanche i peggiori del mondo. Comunque proseguo nel mio lavoro col materiale umano a mia disposizione, che peraltro apprezzo”. Poi le prime bordate. “Del mercato si occupano presidente e diesse, i rinforzi arriveranno e saranno quelli giusti per migliorare la nostra rosa. Purtroppo si muovono critiche ingiuste ai calciatori attualmente in organico. Sto raccogliendo gli articoli dei sapientoni che ci considerano scarsi, se perderò cinque partite consecutive andrò a casa, in caso contrario li chiamerò e vedremo se avranno il coraggio di andare via loro”. Finale in crescendo. “Non mi faccio prendere in giro, non sono un pupazzo come chi ha scelto di fare le valigie. A me non servono i mercenari, che non vincono mai niente. Ho bisogno di giocatori propensi a dare tutto per questi colori. Meccariello? Non fa più parte della Ternana, non ne parlo. I giocatori della vecchia guardia non mi piacevano. Ci sono club di A che ci offrono elementi non adatti per le nostre esigenze. Dateci tempo, non siamo qui per fare figuracce”.