Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Reggina-Ternana 3-2, non bastano Falletti e Mazzocchi

 reggina-ternana 3-2 il gol di falletti Foto:  lapresse

Al Granillo gara spettacolare ma pesano una difesa troppo molle e le espulsioni di Agazzi e Proietti

Michele Fratto
  • a
  • a
  • a

La rabbia c’è stata, la voglia di riscatto anche, il risultato no. La Ternana cade al Granillo e dopo due giornate si avvia alla sosta senza aver mosso la classifica. Il cuore rossoverde ha pulsato forte tra svarioni difensivi, gol spettacolari e rincorse infinite. Però il primo aspetto, in confronto agli altri due, ha pesato di più nell’economia del match, consegnando alla Reggina la prima vittoria stagionale. Peccato, perché la Ternana fino alla fine ha dato segnali di vita, strillando quando Pettinari ha mandato alle stelle il pareggio in nove contro dieci.

 

LA CRONACA Sorensen per Kontek in difesa, Galabinov vicino a Menez. Queste le novità da ambedue le parti in campo. Altro grande atteso il manto erboso dello stadio calabrese: tinte che vanno dal giallo al verde passando per il marrone, praticabilità ai minimi termini ma questo è dopo le criticità del periodo. Inizio scoppiettante fino al primo episodio chiave: Agazzi, nervoso sin dal primo minuto, riceve il secondo giallo da Di Martino dopo l’ennesimo fallo su Hetemaj. Ternana in inferiorità numerica e Lucarelli corre ai ripari: Palumbo per Peralta. In pochi minuti Di Martino perde il polso del match: Proietti colpito da Rivas in area, il direttore di gara lascia proseguire. Eppure in dieci, la rabbia rossoverde poco lucida dei primi minuti si trasforma in sofferenza e costruzione. Palumbo trascina, Donnarumma illumina per Falletti che si insinua tra i centrali amaranto e deposita in rete. Vantaggio tutto cuore delle Fere. Termina così una prima frazione spettacolare al Granillo.

 

Nella ripresa succede di tutto. Defendi entrato per Ghiringhelli cicca il pallone tradito dal campo, Iannarilli si esalta ancora su Rivas ma Menez ribadisce da solo di testa in rete. Immediato pareggio della Reggina e assedio davanti alla porta rossoverde. L’inerzia torna in mano ai padroni di casa. La partita non finisce di cambiare il proprio canovaccio. Menez frana su Proietti e viene espulso per doppia ammonizione come Agazzi. Ristabilita la parità numerica in campo. I colpi di scena continuano ma arriva l’uno due della Reggina: traversa di Galabinov, Rivas cade in area piccola e per Di Martino è calcio di rigore tra l’incredulità della panchina umbra. Si presenta Galabinov che spiazza Iannarilli, segna al debutto e ribalta il risultato. Ancora Rivas, ex mai domo ieri sera, e la Reggina allunga sempre più: ancora una parata di Iannarilli, ancora una dormita difensiva e terzo gol della Reggina. Ma la Ternana lancia il cuore oltre l’ostacolo. Defendi crossa, Mazzocchi si esibisce in una rovesciata spettacolare e accorcia le distanze. La Reggina accusa il contraccolpo, la Ternana si lancia all’arrembaggio. Proietti colpisce Montalto mentre Pettinari all’ultimo secondo manda in aria il pareggio. Triplice fischio. Ora la pausa poi il Pisa. La Ternana dovrà ripartire dall’agonismo di ieri sera, cercando di iniziare a muovere la classifica.