Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Simona Halep, la rivale di Camila Giorgi agli Us Open: il seno ridotto di due taglie. Ecco perché | Foto

  • a
  • a
  • a

Simona Halep è l'avversaria di Camila Giorgi al primo turno degli Us Open, ultima prova dello Slam stagionale. A Flushing Meadows, a New York, la tennista marchigiana dunque si troverà di fronte subito una delle giocatrici più forti, ex numero uno al mondo e vincitrice di due prove del grande Slam. Forse non tutti sanno che la Halep in passato si è ridotta il seno per scalare le classifiche Wta e diventare tra le più forti al mondo.

 

 

Nel 2009 ha ridotto di due taglie il suo petto, da lì al 2014 ha scalato 200 posizioni nel ranking diventando appunto una delle migliori tenniste del pianeta. Rumena, classe 1991, ha iniziato a giocare a tennis per imitare il fratello maggiore.

 

 

Già nel 2008 i primi piazzamenti al Roland Garros Juniores. Ma secondo lei c'era un problema fisico che le impediva di dare il meglio: un seno troppo grosso che le impediva di dare il meglio. Di qui la decisione di operarsi: nel 2009 la Halep ha deciso infatti di ridursi il petto di due taglie. Da una quarta abbondante ad una seconda. 

 

 

Simona Halep recentemente ha parlato dell’intervento chirurgico a cui si sottopose qualche anno fa per ridursi il seno e muoversi meglio in campo. Sacrificio che ha poi pagato, visto che la rumena è diventata anche numero 1 del mondo e ha vinto due tornei del Grande Slam. “La mia famiglia era spaventata - ha rivelato Simona in una intervista di qualche tempo fa -. Io non lo ero perché sapevo che dovevo farlo per il tennis. Il mio sogno era semplicemente essere la migliore. In effetti, dopo ero molto più leggera e i miei problemi alla schiena passarono. Perciò è stata la decisione migliore. Mi sono impegnata al 100% e ho fatto tutto questo per il tennis”. Lunedì 30 agosto la sfida al primo turno degli Us Open con l'azzurra Camila Giorgi: un impegno durissimo per la marchigiana, che però attualmente sa come mettere in difficoltà la rumena.