Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Pordenone-Perugia 0-1, Alvini: "La squadra va rinforzata"

alvini

Carlo Forciniti
  • a
  • a
  • a

 

“Il risultato è molto pesante. Vincere qui era un po’ inaspettato pur se speravamo di riuscirci”. Massimiliano Alvini è soddisfatto dopo l'1-0 firmato Murano al Pordenone nella prima del campionato di serie B. Non può essere altrimenti per il prezioso successo del Grifo che inaugura nel migliore dei modi la stagione che andrà comunque affrontata con una rosa da migliorare da qui alla fine del mercato. “Mi è piaciuto l’atteggiamento e la maturità messa nella partita una volta andati in vantaggio. Ci siamo adattati in varie situazioni di gioco. Ai ragazzi va dato grande merito per quanto stanno facendo. Alcuni giocatori mi stanno sorprendendo in maniera positiva. Righetti sta crescendo molto ma devo ringraziare tutti. Anche chi non è entrato. Il viaggio di sabato è stato bello. Siamo stati bene insieme”. - spiega.

 

Da perfezionista qual è, l’allenatore ex Reggiana si sofferma anche su cosa lo abbia convinto meno al Teghil di Lignano Sabbiadoro. “Non mi è piaciuto come abbiamo gestito il possesso palla nel primo tempo in cui siamo stati meno lucidi del solito. E’ stato fatto bene a tratti. Meglio nella ripresa. A Genova il possesso lo abbiamo fatto meglio. Sentivamo un po’ l’esordio”. Da rivedere anche qualche decisione arbitrale relativamente a qualche ammonizione. “Un paio di gialli sono stati eccessivi, penso al secondo giallo di Kouan e a quello di Dell’Orco, ma siamo una squadra che spezza molto il gioco. Possiamo esserne soggetti. E’ un aspetto cui faccio molta attenzione”.

 

La stessa che metterà quando a Pian di Massiano arriveranno i nuovi giocatori indispensabili per far salire di livello la rosa biancorossa. “La squadra va rinforzata e lo sappiamo. Non devo nascondermi ma in ogni caso devo pensare ad allenare. Il campionato di Serie B è davvero difficile. Abbiamo le idee chiare. Vediamo cosa viene fuori”. La chiosa è per un aneddoto che riguarda il patron Santopadre  che “prima della partita mi ha chiamato. Mi ha rivolto delle parole piacevoli. E’ carico, entusiasta”, e per la dedica che va “alla mia famiglia, ai miei bambini, ai tifosi”.