Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Jannik Sinner vince a Washington e diventa il nuovo numero 15 del mondo

  • a
  • a
  • a

Jannik Sinner ha vinto il Citi Open, torneo Atp 500 con un montepremi di 1.895.290 dollari che si è concluso sui campi in cemento di Washington. In finale il diciannovenne di Sesto Pusteria, numero 24 del ranking e quinta testa di serie, ha battuto per 7-5 4-6 7-5, dopo una battaglia di quasi tre ore, lo statunitense Mackenzie McDonald, numero 107 Atp, per la prima volta in carriera approdato all’ultimo atto in un torneo del circuito maggiore. Per l’altoatesino è il terzo titolo in carriera (il primo in un 500) su quattro finali disputate, il secondo in questa stagione dopo quello vinto all’Atp 250 Great Ocean Road Open di Melbourne a febbraio (il primo della carriera lo aveva conquistato a Sofia a fine 2020). 

 

 

Sinner è il più giovane campione Atp 500 in 146 eventi da quando la categoria è stata creata nel 2009. Otto giorni prima del suo ventesimo compleanno, è diventato il terzo più giovane campione di Washington dopo il 18enne Andy Roddick nel 2001 e il 19enne Juan Martin del Potro nel 2008. E da oggi è diventato il numero due d'Italia - dietro Berrettini - ma soprattutto il numero 15 del ranking Atp. “Non mi interessa se sono il più giovane a fare qualcosa, io voglio solo lavorare e migliorare. Sono felice per la vittoria, ma la strada è ancora lunga” ha detto alla fine della partita.

 

 

Sinner nelle settimane scorse era finito al centro di numerose polemiche per la sua rinuncia all'Olimpiade di Tokyo. Motivata con l'segienza di dover fare lavori specifici per migliorare il suo tennis. Polemica sulla quale è tornato anche Adriano Panatta durante l'ultima puntata del programma televisivo Il Circolo degli Anelli: "Non capisco perché ha rinunciato ai Giochi, alla sua età dovrebbe andare a piedi a Tokyo” si è lasciato sfuggire proprio mentre Sinner stava per trionfare in America.