Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Olimpiadi, ciclismo su pista: bronzo per Elia Viviani nell'Omnium, ecco le dichiarazioni

  • a
  • a
  • a

Medaglia di bronzo per Elia Viviani nell’Omnium ai Giochi Olimpici di Tokyo. Con un gran recupero nella corsa a punti, il portabandiera azzurro ha chiuso a quota 124. Oro al britannico Matthew Walls con 153 punti, argento al neozelandese Campbell Stewart con 129.


 

 


"Volevo una medaglia, sapevo che era dura e mi dispiace aver perso l’argento alla fine. Le energie erano al lumicino, avendo dato tutto prima. A vedere come era iniziata dobbiamo festeggiare". Così l'atleta ha commentato ai microfoni di RaiSport il bronzo conquistato nell’Omnium alle Olimpiadi di Tokyo 2020. Prima dei Giochi "avrei firmato anche per un bronzo. Siamo partiti bene e ora le motivazioni per sabato sono ancora più alte", ha aggiunto Viviani.
"Il successo nell’eliminazione mi serviva proprio per divertirmi e scaricare - ha proseguito il portabandiera azzurro - nella corsa a punti sono partito con una grande voglia di medaglia. Alla fine sapevo di dover vincere la volata per riprendermi l’argento ma avevo dato tutto nell’ultima azione fatta".

 

 

 

 

Si è rivelata decisiva la corsa a punti, quarta prova di una delle discipline più complesse e spettacolari del ciclismo su pista. L’azzurro si era imposto anche nella terza prova, quella dell’eliminazione, dopo essere arrivato tredicesimo 13 nello ’scratch’ e undicesimo nella ’tempo race'. Il veronese, campione olimpico in carica di questa disciplina grazie all’oro vinto a Rio 2016, era parecchio indietro a metà percorso ma ha saputo risalire nella seconda parte della sfida.