Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Lukaku, striscione dei tifosi contro la cessione al Chelsea: "Attenzione, le promesse vanno mantenute"

  • a
  • a
  • a

I tifosi dell’Inter sono sul piede di guerra per la possibile - probabile? - cessione di Romelu Lukaku, il pezzo da novanta della formazione nerazzurra, al Chelsea campione d'Europa. Il club di Abramovich sembra disposto a offrire la cifra monstre di 130 milioni di euro, con un mega contratto da 15 milioni al giocatore. Il presidente nerazzurro Steven Zhang vacilla e deve fare i conti con l'ondata di proteste che inizia a montare tra i tifosi. Sotto la sede nerazzurra a Porta Nuova - come si vede in una serie di video su social e siti interisti - un tifoso ha inscenato una singolare protesta attaccando alla porta un foglietto con la scritta: "Lukaku non si tocca". Poco distante, è apparso anche uno striscione della Curva Nord che suona sibillino: "Società... attenzione... le promesse vanno mantenute"

 

 

E come se non bastasse la Curva Nord ha rincarato la dose nella propria pagina Facebook: "Qualsiasi tipo di operazione di mercato dovrà ora, come pattuito, essere volta al miglioramento della rosa - è il pensiero della torcida nerazzurra - fare cassa senza investire adeguatamente non rientra nella casistica dell’accettabile. Questo vale per qualsiasi giocatore".  Ma il faraonico affare che dovrebbe portare Big Rom a vestire nuovamente la maglia dei Blues sembra andare verso una direzione abbastanza chiara. La dirigenza interista aspetta l’offerta definitiva da 130 milioni cash che potrebbe arrivare nelle prossime ore. Intanto ad Appiano Gentile è tornato Christian Eriksen, pronto ad iniziare il programma di recupero proposto dai medici danesi. 

 

 

 

A due mesi e mezzo dalla vittoria del campionato di Serie A, il centrocampista ha nuovamente varcato i cancelli della Pinetina, dove ha trascorso la mattinata con la squadra. Presente anche l’intera dirigenza, che gli ha consegnato la sua copia in miniatura della Coppa dello Scudetto.