Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Stefano Garzelli, dal rapporto con Marco Pantani ai quattro figli con la moglie spagnola Maria

  • a
  • a
  • a

Stefano Garzelli è un ex ciclista, vincitore del Giro d'Italia nel 2000 e attualmente opinionista Rai per il ciclismo. In questi giorni è impegnato ne Il Circolo degli Anelli, il programma di Rai2 dedicato alle Olimpiadi. Nato il 16 luglio 1973 a Varese, è stato professionista dal 1997 al 2013, uno dei migliori scalatori di quel periodo, dimostrandosi forte anche sul passo, in volata e a cronometro. Nel 2000, in maglia Mercatone Uno, il mitico Marco Pantani gli fece da gregario e Garzelli conquistò il Giro d’Italia sul toscano Filippo Casagrande e terzo posto del trentino Gilberto Simoni. Nel corso della sua carriera per lui una Tirreno Adriatico, due Tre Valli Varesine, tappe al Giro d’Italia e alla Vuelta di Spagna. Per quanto riguarda la vita privata, è sposato con Maria, spagnola, ha avuto quattro figli: Marco, Luca, Matteo e Leonardo. Il varesino vive a Valencia con la sua famiglia.

 

 

Sulla vittoria del Giro nel 2000, speciale è la storia che lo lega al mito di Marco Pantani. Il Pirata in quella corsa rosa dichiarò sin da subito di partecipare non per puntare al titolo, ma solo per riprendere la gamba in vista della sfida francese all’americano e per aiutare il suo nuovo capitano, Stefano Garzelli. Garzelli era alla Mercatone dal 1997 e nell’anno dell’incidente occorso a Pantani sulla salita del Valico di Chiunzi, in cui un gatto tagliò la strada al Pirata facendolo cadere a terra e ritirare a fine tappa, si era anche ben comportato arrivando in nona posizione.

 

 

In una celebre tappa del 4 giugno 2000, prima ha portato sotto Garzelli, quasi trascinandolo lungo le pendici dell’Izoard, poi si è messo in testa al gruppo, imponendo un’andatura che gli altri potevano solo reggere. Impossibile attaccare in quelle condizioni. Addirittura a un certo punto si è fatto sfilare dal gruppo, andando all’ammiraglia e prendendo le borracce, portandone una a Garzelli. Un gesto meraviglioso per chi aveva il ciclismo nelle mani solo un anno prima, ma che dimostrò senza dubbio la caratura morale di Marco Pantani. Un rapporto speciale che ancora Garzelli porta sicuramente nel cuore.