Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Stasera in tv 29 luglio, su Rai2 Il Circolo degli Anelli: gli ospiti di Alessandra De Stefano

  • a
  • a
  • a

Appuntamento consueto, giovedì 29 luglio, con Il circolo degli anelli, il magazine sportivo protagonista tutte le sere fino alla fine delle Olimpiadi, l'8 agosto, su Rai2 a partire dalle 21,20. Gli ospiti di Alessandra De Stefano, su tutti gli opinionisti fissi Jury Chechi e Sara Simeoni, parleranno ovviamente delle emozioni di giornata, con l'Italia che ha portato a casa quattro medaglie: oro e bronzo nel canottaggio (la medaglia più pregiata l'ha vinta il doppio pesi leggeri femminile con Valentina Rodini e Federica Cesarini), argento nel nuoto con Gregorio Paltrinieri negli 800 stile libero e un altro bronzo con il fioretto femminile a squadre

 

 

La Rai copre l'evento in maniera poderosa. In totale, Rai2 mostrerà infatti 200 ore di gare in diretta oltre a rubriche e approfondimenti su Rai Sport, Radio1 e Radio2. Insomma, sarà un’estate tutta votata allo sport olimpico raccontata dalla televisione di Stato grazie a un vero e proprio plotone di professionisti spediti in Giappone: a Tokyo sono in 45 tra giornalisti e telecineoperatori, 11 opinionisti e 171 tra personale di segreteria e di personale di produzione.

 

 

Una delegazione complessiva di 227 persone che lavorerà per raccontare ai telespettatori in maniera completa e professionale ogni risultato, ogni impresa, ogni podio azzurro. E obiettivamente in questi primi giorni l'Italia se la sta cavando benissimo. Il circolo degli anelli è condotto in studio da Milano dalla giornalista napoletana Alessandra De Stefano. Al suo fianco, nel ruolo di ospiti fissi dello programma, ci sono appunto due monumenti dello sport italiano: Jury Chechi oro ad Atlanta 1996 agli anelli e Sara Simeoni, oro nel salto in alto a Mosca, nel 1980. Possibili giovedì 29 luglio gli interventi di Domenico Fioravanti e Elisa Di Francisca, rispettivamente a commentare l'argento "miracoloso" di Paltrinieri (a poche settimane dalla mononucleosi) e il bronzo nel fioretto a squadre, arrivato con un pizzico di delusione.