Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Olimpiade, argento per la staffetta 4x100: chi sono i quattro medagliati: "Abbiamo fatto la storia"

Esplora:

  • a
  • a
  • a

Grandi soddisfazioni dal nuoto lunedì 26 luglio alle Olimpiadi di Tokyo. Un argento e un bronzo per l’Italia. La staffetta 4x100 sl maschile, composta da Alessandro Miressi, Thomas Ceccon, Lorenzo Zazzeri e Manuel Frigo è entrata nella storia chiudendo in 3’10"11, nuovo record italiano, battuta solo dagli Stati Uniti (3’08"97). Bronzo per l’Australia in 3’10"22. "Una gioia incredibile". Così, all’unisono, gli azzurri della 100 hanno commentato l’argento olimpico conquistato a Tokyo. "Siamo felicissimi, siamo stati veramente bravi, una grande staffetta - ha dichiarato ai microfoni Rai Alessandro Miressi - Siamo veramente contenti e felici di questo argento".

 

 

"Già da domenica sapevamo di avere una buona possibilità di medaglia - ha spiegato Thomas Ceccon, che pochi prima dell’argento ha staccato il pass per la finale dei 100 dorso -. Ho fatto la scelta di fare entrambe le gare, dato che ero andato bene nel dorso non potevo che fare altrettanto in staffetta. L’argento olimpico non è una cosa da tutti i giorni". "Non ho parole, no so come descrivere questo momento - ha ammesso Lorenzo Zazzeri - Abbiamo scritto una pagina bellissima di storia e sono felicissimo di far parte di questo gruppo: siamo uniti, ci siamo abbracciati anche prima di partire, eravamo convintissimi di poter fare una grande gara".

 

 

"Per me - ha concluso un incredulo Manuel Frigo - era impensabile soltanto tre anni fa essere qui e ora arriva addirittura una medaglia. Quando la vedrò ci crederò": "Prima della gara eravamo sereni e motivati, la corsia 4 non ci faceva paura. Sapevamo che gli Stati Uniti erano molto forti e rimanevano i favoriti, però abbiamo preso la gara di petto. Ci siamo abbracciati prima di partire, ci siamo detti di divertirci, consci del fatto che potevamo fare un pezzo di storia del nostro sport", queste le parole di Lorenzo Zazzeri. Nei 100 rana bronzo per Martinenghi.