Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Burruchaga in Umbria, il figlio Ramon Andres al torneo di tennis Memorial Poppy Vinti a Perugia

E.L.
  • a
  • a
  • a

Jorge Burruchaga stregato dell'Umbria. Il campione del mondo 1986 in Messico e argento in Italia nel 90 con l'Argentina di Maradona, è a Perugia per seguire il figlio Ramon Andres che si sta facendo strada nel mondo del tennis. In questi giorni, al torneo internazionale di tennis Itf Fbm, memorial Poppy Vinti, il 19enne, sta dimostrando di poter emergere, per la gioia di papà Jorge.

 

 

"È sempre un piacere tornare in Italia" ha dichiarato Jorge (59 anni), e in questi giorni che sono in Umbria al fianco di Ramon Andres ho potuto visitare le bellissime Assisi e Spello. È un piacere essere qui a Perugia per stare vicino a mio figlio che, in questo periodo difficile di pandemia, da tre mesi sta giocando tornei in Europa. Spero che Ramon riesca ad ottenere ottimi risultati, ma soprattutto che continui ad essere un bravo ragazzo in campo e fuori e che metta sempre garra e passione in quello che fa". Ramon ha cominciato bene battendo al primo turno nel derby argentino Luciano Carraro (23 anni) per 6-3, 6-0.

 

 

"Conosco bene Ramon Andres perchè in Egitto ha giocato due tornei con Francesco Passaro", ha sottolineato Roberto Tarpani, presidente dello Junior Perugia e allenatore di Passaro, "e  rivedo in lui la grinta e la correttezza che gli ha trasmesso papà Jorge. Ramon poi sa trasmetterle anche a chi gli sta vicino". Papà Jorge, che ha per il momento lasciato il mondo del pallone, frequentato dal figlio 23enne Mauro che ha giocato col Chievo Verona e poi è tornato in Argentina, ora segue Ramon Andres sui campi da tennis con amore e discrezione, dall'alto della sua esperienza internazionale accumulata da solo e al fianco di Maradona. "Diego è stato il giocatore migliore che ho visto giocare" ricorda un commosso Jorge, "un leader, un compagno e un trascinatore, lo portiamo sempre nel cuore" ha concluso l'eroe di Messico '86: fu proprio Burruchaga a segnare il gol decisivo nel 3-2 che valse il titolo.