Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Olimpiadi, giornalista positivo sull'aereo: a bordo l'Italia del basket e gli azzurri del ciclismo

  • a
  • a
  • a

Enorme ansia nella squadra italiana alle Olimpiadi: un giornalista italiano arrivato domenica all’aeroporto di Tokyo Haneda, proveniente da Roma Fiumicino, è risultato infatti positivo al Covid dopo un tampone salivare ed è al momento in un hotel Covid dove dovrebbe rimanere in quarantena una decina di giorni L’ambasciatore italiano Giorgio Starace ha precisato che “il giornalista quando era partito aveva un regolare tampone negativo” e che “la persona vicina a lui è stata testata e non è risultata positiva al Covid”.

 

 

La preoccupazione resta a livelli altissimi perché nello stesso volo c'erano numerosi atleti azzurri. Alcuni ragazzi del nuoto (Simona Quadarella), le squadre del basket (Nico Mannion) e quelle di ciclismo (Vincenzo Nibali), ma anche le ragazze del pugilato La speranza a questo punto è che non siano mai entrati in contatto con la persona positiva.

 

 

Nessuno degli atleti, al momento, è stato posto in isolamento. I ciclisti per esempio sono già andati a provare il percorso della gara su strada. Il rischio oltre alla positività, è che ad alcuni, eventualmente seduti vicini al giornalista in questione, venga applicato il concetto di "contatto stretto" (che viene valutato caso per caso). Di fatto non sono chiare le regole, dato che secondo il Comitato olimpico internazionale gli allenamenti rimangono ok. Ma il Cio e gli organizzatori non possono dare l'ok a quanti, come 8 britannici dell'atletica (o ai già citati canottieri serbi), sono posti in isolamento dalle autorità giapponesi in quanto "stretti contatti" con un positivo sul volo per Tokyo. Tutti sono dotati di una app di tracciamento e tutti i contatti dovranno isolarsi, ma il vice direttore del Cio Pierre Ducrey assicura: "creeremo le condizioni perché possano fare il minimo necessario per prepararsi". Insomma, ancora non sono iniziate che le Olimpiadi restano davvero in bilico e gli atleti devono davvero stare molto attenti perché la bolla non è sicura.