Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Italia-Inghilterra, appello delle autorità inglesi ai tifosi italiani: "Non venite a Londra per la finale"

  • a
  • a
  • a

Italia-Inghilterra, appello delle autorità inglesi ai tifosi italiani: "Non venite a Londra per la finale". In vista della sfida decisiva di Euro 2020, il ministro dei Trasporti britannico Grant Shapps esorta i tifosi italiani a non cercare di arrivare in Inghilterra per la finale degli europei di calcio di domenica.

 

A chi gli ha chiesto se avrebbe raccomandato ai tifosi italiani di andare allo stadio di Wembley per assistere alla partita con l’Inghilterra, il ministro ha detto: "No è la risposta a questa semplice domanda. Se ci accorgiamo che le persone arrivano solo per questa partita, non potranno entrare e, proprio per questo, sono stati cancellati molti voli diretti e charter", ha aggiunto in una intervista a Times Radio. Intanto la stampa britannica punzecchia la squadra azzurra cercando di caricare l’uomo in più su cui gli inglesi potranno contare domenica sera a Wembley, il pubblico. Sui tabloid traspare un certo fatalismo: la Nazionale dei Tre Leoni porterà a casa una storica vittoria, la prima in un Europeo, dopo il successo ai mondiali datato 1966.

 

Sulla polemica sorta dopo il rigore generoso con cui gli inglesi hanno piegato 2-1 la Danimarca ai supplementari in semifinale, l’argomento viene licenziato ribadendo che l’Inghilterra vincerà senza favori e ciò che è accaduto coi danesi non è certamente un aiuto arrivato per aiutare la squadra di casa. La gran parte delle prime pagine della stampa inglese sono passate dal clima di euforia e di trionfo per aver raggiunto la finale dell’11 luglio contro l’Italia, ad una difesa ad oltranza di Southgate e i suoi giocatori, rilanciando un confronto a distanza con la nazionale di Mancini. La prima pagina del Daily Star oggi apre con una provocazione: "Mentre gli sfacciati italiani accusano i nostri eroici Tre Leoni di essere stati aiutati a vincere con un rigore, ci chiediamo: cosa hanno mai fatto i romani per noi?".