Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Infortunio Spinazzola, nel pomeriggio esami a Roma. Durante i soccorsi colpito da una bottiglietta

  • a
  • a
  • a

Leonardo Spinazzola è tornato a Coverciano dopo l'infortunio subito a Monaco di Baviera durante Italia-Belgio, partita valida per i quarti di finale degli Europei di calcio, e nel pomeriggio sarà a Roma, accompagnato dal medico della Nazionale dottor Ferretti, per i primi esami del caso. Per il calciatore originario di Foligno si teme la rottura totale - e non parziale come sembrava in un primo momento - del tendine. Dopo gli esami strumentali si deciderà se operarlo e anche che tipo di operazione fare. In base a questo si conosceranno i tempi di recupero.

 

 

Il rientro in Italia di Spinazzola è stato comunque sull'onda del grande affetto che gli hanno manifestato tutti i compagni della nazionale con il ritmato coro "Spina, Spina" sul bus. Alla fine ha fatto festa anche lui per il traguardo delle semifinali raggiunto e che proietta l'Italia in alto in una competizione spesso sfortunata. Una festa amara perché, come gli è già capitato in carriera, proprio nel momento in cui si stava imponendo e arrivato un infortunio. Come capitato dopo aver firmato per la Juventus, dopo il grande esordio in Champions League e pochi mesi fa proprio poco prima di Euro 2020 che a un certo punto era sembrato addirittura a rischio.

 

 

E pensare che qualche tifoso belga - chiamiamolo così - gli ha pure tirato una bottiglietta dagli spalti mentre veniva soccorso, pensando forse che fosse una sceneggiata per guadagnare tempo. Invece Spinazzola si era rotto davvero in uno dei suoi ennesimi scatta da centometrista. Oggi dunque lascerà il gruppo azzurro prima di pranzo ma chissà che non riesca a tornare a Wembley - dove si giocheranno semifinali e finali - per fare il tifo da vicino per i suoi compagni. Indiscrezioni tra l'altro lo annunciano come uno dei giocatori che sarà inserito nella top 11 di questa edizione degli Europei. Spinazzola, cresciuto nella Virtus Foligno ed ex Grifone, se lo meriterebbe davvero. Ancora una volta l'Umbria tifa per lui.