Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Berrettini, non solo Wimbledon: pizze offerte ai malati in oncologia all'ospedale di Legnano | Foto

  • a
  • a
  • a

Matteo Berrettini fa parlare di sè anche per le buone azioni fuori dal campo da tennis. Mercoledì 30 giugno infatti il tennista romano ha offerto le pizze al reparto di oncologia ed ematologia dell'ospedale di Legnano, un modo per alleggerire la degenza in ospedale dei pazienti: "Chemioterapizza", il nome dell'iniziativa, con pizze offerte da Berrettini.

 

 

E in questi giorni il numero uno azzurro sta regalando spettacolo a Wimbledon. Dopo il trionfo al Queen's, Berrettini ha superato di slancio il primo turno sull'erba londinese, sconfiggendo in quattro set l'argentino Pella, con il punteggio di 6-4, 4-6, 6-4, 6-0.

 

 

Una prova autorevole per Berrettini, eccezion fatta per il secondo set quando ha avuto un passaggio a vuoto in un suo turno di servizio. Poi ha innestato una marcia in più fino a travolgere l'argentino nel quarto parziale. Giovedì 1 luglio sulla sua strada c'è l'olandese Van De Zandschulp, ampiamente alla portata, che ha superato il francese Barrere anche lui in quattro set. 

 

 

Le prospettive per andare molto avanti a Londra dunque ci sono. "Novak Djokovic è l’uomo da battere e il candidato numero uno per imporsi - ha ammesso pochi giorni fa Berrettini -. Io però so di avere il tennis per poter andare lontano su questa superficie. Mi sento bene fisicamente, sono in fiducia e quindi sono convinto di poter andare lontano in questo torneo". Ora c'è la prova Van De Zandschulp, un avversario da prendere con le molle ma che non può impensierire Berrettini in questo momento: la buona forma in campo si vede anche fuori, tra bei gesti di solidarietà come quello per l'ospedale di Legnano e la serenità in ambito sentimentale con la collega australiana Ajla Tomljanovic, che proprio mercoledì 30 giugno ha ufficializzato la sua partecipazione alle Olimpiadi di Tokyo. Un'altra avventura che Berrettini e Ajla faranno insieme.