Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Italia-Austria, gli azzurri non si inginocchieranno contro il razzismo: la decisione per evitare polemiche

  • a
  • a
  • a

Gli azzurri non si inginocchieranno prima dell'incontro tra Italia e Austria quale gesto di solidarietà per il movimento Black Lives Matter contro il razzismo. La decisione è stata presa dall'intero gruppo dei giocatori della nazionale e sarà illustrata dal capitano, Leonardo Bonucci, in conferenza stampa.

 

La scelta è stata presa per evitare le polemiche scaturite dopo la partita con il Galles - poi vinta 1-0 - prima della quale cinque calciatori azzurri si sono inginocchiati, come segno di omaggio al movimento che si è diffuso negli Stati Uniti dopo la morte di George Floyd. Richieste in tal senso non sono giunte all'Uefa nè dalla nazionale di Roberto Mancini nè dall'Austria; oggi gli azzurri partiranno per lo stadio londinese di Wembley, dove si disputerà il primo degli ottavi di finale della massima competizione continentale. Intanto questa mattina si è svolta una seduta di allenamento a Coverciano al Centro tecnico federale di Firenze per preparare la gara in programma domani sera. La rosa a disposizione del ct azzurro Roberto Mancini, dopo una prima fase dedicata al riscaldamento atletico fra campo e palestra, e lo svolgimento di una serie di torelli di gruppo, ha effettuato una partitella a ranghi misti su campo ridotto con le due formazioni schierate che però hanno dato poche indicazioni circa l’undici titolare che sarà mandato in campo contro l’Austria dal 1’.

 

Dunque sembra persistere ancora nella mente del ct Mancini il dubbio se schierare domani sera a centrocampo Locatelli o Verratti, con Jorginho e Barella che appaiono al momento sicuri di un posto. In difesa out Florenzi che anche questa mattina ha svolto una seduta differenziata rispetto ai compagni per il persistere di un problema muscolare al polpaccio destro, con Chiellini che invece, reduce da un fastidio al flessore del ginocchio sinistro, ha effettuato tutto l’allenamento insieme ad i compagni ad eccezione della partitella a ranghi misti finale. Pronto Di Lorenzo come esterno destro difensivo e Acerbi, se Chiellini non dovesse riuscire a scendere in campo al fianco di Bonucci, mentre in attacco si va verso l’utilizzo del tridente Berardi, Immobile ed Insigne.