Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Euro 2020, accordo per i premi: ecco quanto andrà a ogni giocatore dell'Italia. C'è una novità

  • a
  • a
  • a

Tempo di eliminazioni dirette a Euro 2020 e gli azzurri hanno concordato con la Figc i premi in denaro in caso di vittorie e passaggi del turno sino a un eventuale trionfo finale. I capitani dell'Italia, i difensori Giorgio Chiellini e Leonardo Bonucci, hanno infatti incontrato il presidente della Federcalcio, Gabriele Gravina, e raggiunto l'accordo: 30 mila euro a testa per il traguardo dei quarti di finale, 150 mila per la semifinale, 200 mila per la finale con un extra in caso di conquista del trofeo (250 mila). Ormai una consuetudine quella che vede una mini delegazione dei calciatori che rappresentano l'Italia, trovare un accordo per premi economici in denaro.

 

 

L'Europeo di calcio non è solo gloria infatti. Sino a ora l'Italia per cammino compiuto in questi Europei ha visto riconoscersi dall'Uefa quasi 16 milioni di premi per la fase a girone. Montepremi che salirà a 19 milioni in caso di vittoria contro l'Austria negli ottavi di finale. La sola partecipazione a Euro 2020 ha fruttato 9,25 milioni di euro, più 1,5 per ogni vittoria (sono state tre, quindi 4,5), più 2 per la qualificazione con il primo posto nel girone agli ottavi: totale 15,25. Parte di questi soldi dunque Gravina li utilizzerà come premi ai giocatori oltre che per inniettare soldi alle casse della Federcalcio. Cambia poco rispetto alle cifre dell’Europeo di 5 anni fa, ma rispetto al 2016 c’è però una novità: nell’accordo sono stati inseriti anche riconoscimenti per l’arrivo ai quarti di finale.

 

 

Intanto l'Italia sogna, oltre all'aspetto sportivo, di portar via la final four di Euro 2020 in questo momento in calendario a Londra, a Wembley. A causa dell'aumento di contagi da Covid in Inghilterra, c'è grande pressione da parte di Germania e Italia in particolare, per trasferire le ultime partite della fase finale dell'Europeo. Draghi ha candidato Roma e lo stadio Olimpico, ma l'Uefa ribadisce di continuare a lavorare insieme "alla Federcalcio inglese e alle autorità locali per ospitare semifinale e finale a Londra".