Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Berrettini, trionfo al Queen's ma niente festa senza Ajla: "Servizio in camera e acqua gassata"

Esplora:

  • a
  • a
  • a

E' un Matteo Berrettini felicissimo quello che ha parlato subito dopo il trionfo al Queen's, per lui quinto titolo in carriera, il primo Atp 500 e primo azzurro a vincere nel tradizionale torneo di preparazione a Wimbledon. "Non voglio offendere gli altri trofei, ma questo è il più bello. Pensare al mio nome e a quello di Boris Becker accostati è incredibile. Ho realizzato un sogno che avevo da bambino - ha sottolineato -, questo torneo lo guardavo da piccolo in tv. E' stata una settimana incredibile, fantastica per le emozioni che sto vivendo". 

 

 

Berrettini si gode così lo storico trionfo al Queen’s. Il tennista romano ha reso comunque onore all’avversario, Cameron Norrie ("Sapevo che in campo avrei dovuto lottare un sacco e che sarebbe stata una partita dura, sono sicuro che anche lui riuscirà presto a conquistare un titolo e che farà una grande carriera") e poi ha ammesso: "Quando sono arrivato a Londra giovedì della settimana scorsa, direttamente da Parigi, mi sono detto ’wow’, l’erba, un mondo completamente diverso dalla terra rossa. Però sono riuscito a trovare il giusto feeling, soprattutto divertendomi e riuscendo ad esprimere un buon tennis, grazie anche al mio team. Certo, il servizio è stata un’arma importante e questa prestazione in vista di un appuntamento importante come Wimbledon è una significativa iniezione di fiducia e consapevolezza nei miei mezzi", ha affermato. Per lui niente bagordi o serate speciali con la fidanzata Ajla Tomljanovic, che ha perso domenica 20 giugno da Camila Giorgi a Eastbourne.

 

 

"Come festeggio? Servizio in camera in hotel e acqua gassata", ha dichiarato. "Matteo Berrettini trionfa nello storico torneo Atp Queen’s di Londra. E' il primo tennista italiano nella storia ad aggiudicarsi questo titolo. Grandissimo Matteo, Roma è orgogliosa di te", ha twittato invece la sindaca di Roma, città natale di Berrettini, Virginia Raggi