Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Berrettini, trionfo al Queen's: battuto in finale Norrie. Sinner e Musetti possono crescere con calma

  • a
  • a
  • a

Matteo Berrettini show. Il tennista azzurro conquista il torneo del Queen's, chiudendo alla perfezione il suo percorso sul tradizionale evento di preparazione a Wimbledon, battendo pure il britannico Norrie in finale. Un solo neo, il set perso, l'unico in questo torneo. Berrettini, grazie a servizio e dritto formidabili, ha schiantato con grande autorevolezza tutti gli avversari: dall'italiano Travaglia ai britannici Murray ed Evans, poi De Minaur in semifinale e appunto Norrie all'ultimo atto con il punteggio di 6-4, 6-7, 6-3..

 

 

Insomma, i giovani Sinner e Musetti possono crescere con calma. Berrettini è già una realtà concreta e a Wimbledon si presenterà pertanto con i favori del pronostico. Senza Nadal e con un Federer non al top, anche Djokovic sull'erba potrebbe risultare un ostacolo meno insormontabile. Chissà, sognare non costa nulla. Intanto anche dopo la semifinale vinta con De Minaur, il tennista romano si è tolto qualche sassolino dalle scarpe: "La mia mentalità è di vincere sempre il game quando sono al servizio, di dare il meglio. Ma è così anche con gli altri colpi con cui mi sento in confidenza: spero sempre di fare meglio. Non sono solo servizio", ha spiegato.

 

 

Una risposta indiretta a quanto affermato da Murray dopo che il britannico è uscito sconfitto dal tennista italiano: "Per vincere a Wimbledon deve migliorare alla risposta", aveva detto lo scozzese in seguito al doppio 6-3 rifilatogli da Matteo. Berrettini quindi sta vivendo un momento magico, un 2021 eccellente, considerando pure l'infortunio patito all'Australian Open. E così il buon Matteo può ritrovare ancor più serenità, quella che magari gli tolgono Sinner e Musetti. "Sono sincero, quando parlano solo di loro a me dà un po' fastidio", aveva sottolineato qualche tempo fa. Sull'erba, almeno per il momento, il miglior italiano è senza discussioni Berrettini. Senza dimenticare che è pur sempre il numero 9 al mondo, con la posizione di Federer, la 8, sempre più nel mirino. E con un trionfo da urlo nel prestigioso torneo sull'erba del Queen's.