Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

E' morto Giampiero Boniperti, una vita nella Juventus: "Non è la squadra del cuore, è il mio cuore"

  • a
  • a
  • a

Lutto nel mondo del calcio, della Juve e non solo. E' infatti morto nella notte tra giovedì 17 e venerdì 18 giugno a Torino per una insufficienza cardiaca Giampiero Boniperti, presidente onorario della Juventus, di cui è stato una bandiera prima come calciatore e poi come dirigente. A renderlo noto è stata la famiglia. Boniperti, che negli ultimi anni si era ritirato dalla vita pubblica, avrebbe compiuto 93 anni il prossimo 4 luglio. I funerali si svolgeranno nei prossimi giorni in forma privata. 

 

 

Con la Juventus e nella Juventus ha passato tutta la vita. Di vittorie e soddisfazioni ne ha avute tantissime, sul campo e da dirigente: cinque scudetti da giocatore, nel Trio magico con Charles e Sivori, tutti i trofei possibili, in Italia e nel mondo, nel suo ventennio da presidente. Nel club bianconero era arrivato a 17 anni, pagato 60mila lire fifty fifty tra la squadra del suo paese, Barengo (Novara), e il Momo che l'aveva tesserato. Ne è uscito 48 anni dopo, quando ha lasciato la presidenza effettiva della Juventus. E' stato presidente dal 1971 al 1990 e poi, quando fu richiamato dalla famiglia Agnelli, amministratore delegato dal 1991 al 1994. Dal 2006 era presidente onorario.

 

 

"La Juve - una delle sue espressioni più amate - non è soltanto la squadra del mio cuore, è il mio cuore". Tra le curiosità della sua gestione, dopo il Mundial vinto dall'Italia nell'82 in Spagna, aveva messo fuori rosa, perché avevano chiesto un aumento, Paolo Rossi, Tardelli e Gentile. Una settimana di stop, un'amichevole saltata, prima di essere nuovamente ricevuti da Boniperti, e di firmare il contratto, con la concessione di un piccolo ritocco.E' stato europarlamentare con Forza Italia dal 1994 al 1999. Celebre la sua lettera scritta per i suoi 90 anni: "Cosa auguro alla Juve? Di continuare a vincere, perché resta l'unica cosa che conta". Uno slogan divenuto un mantra per il club e i tifosi bianconeri.