Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Zanardi, con la moglie Daniela il figlio Niccolò: le attuali condizioni di Alex

  • a
  • a
  • a

Alex Zanardi è stato un pilota automobilistico e poi campione di handbike. Nato a Bologna il 23 ottobre 1966 (sotto il segno dello Scorpione), nel 2001 un terribile incidente lo ha privato per sempre dell’uso delle gambe, ma Zanardi si è rivelato comunque un personaggio dotato di grandissima tenacia e forza d’animo. A 51 anni, nel settembre 2018, all’Ironman di Cervia ha conquistato il record del mondo della categoria disabili. Ha percorso 3,8 km di nuoto, 180 di bici e 42,2 di corsa in 8 ore, 26 minuti e 6 secondi: ha battuto 3000 normodotati e infranto il record precedente (sempre suo).

 

 

Nel 2020, mentre era sulla sua handbike in gara, ha avuto un altro, gravissimo, incidente. Ma quello che ha cambiato per sempre la sua vita è avvenuto in pista il 15 settembre 2001, quando ha dovuto subire l'amputazione delle gambe. Dopo 7 arresti cardiaci, 15 operazioni, 4 giorni di coma farmacologico indotto (1 mese e 15 giorni in ospedale), ha iniziato un lungo processo di riabilitazione. Il giorno in cui è riuscito a sollevarsi dalla sedia a rotelle, durante la consegna dei Caschi d’Oro di Autosprint, ha generato grande commozione (ci vollero 3 mesi e mezzo).

 

 

Nonostante il tragico incidente, Zanardi ha sempre mantenuto un grandissimo senso dell’umorismo: durante la premiazione dei Caschi D’oro commuoverà i presenti dicendo “mi tremano le gambe". In seguito resterà celebre la sua frase “Adesso se me le rompo mi basta un cacciavite e una brugola", ha affermato con ironia. Per quanto riguarda la vita privata, il campione è sposato con la sua Daniela dal 1996: i due si sono conosciuti ai tempi in cui correva con i Kart e in F3. Lei ai tempi era la team manager. Dal loro amore è nato Niccolò. "Mio figlio, quando mi ha visto dopo l’incidente si è concentrato su quello che era rimasto di suo papà e abbiamo ricominciato da capo", ha raccontato tempo fa a Pomeriggio5 l’ex pilota. "Nessuno sa dirci cosa potrà tornare a fare”, la descrizione recente fatta dal figlio del pilota dopo l'incidente in handbike.