Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Lazio, Inzaghi all'Inter. "Vergognati". I tifosi prendono di mira la moglie e il figlio sui social

  • a
  • a
  • a

La Lazio e Simone Inzaghi si lasciano dopo un legame, tra campo e panchina, che andava avanti da 20 anni. Giovedì 27 maggio sembrava tutto fatto. Il rinnovo sembrava scontato dopo il lungo vertice del pomeriggio precedente tra il tecnico piacentino e il presidente Claudio Lotito. Poi Inzaghi ha deciso di cedere alla corte dell'Inter a caccia del sostituto di Antonio Conte, lasciando con l'amaro in bocca i tantissimi tifosi biancocelesti che per ore avevano osannato il suo attaccamento alla causa biancoceleste.

Un risentimento, quello di parte della tifoseria laziale che si è riversato sui social. E visto che l'allenatore non ha profilo ne hanno fatto le spese il figlio Tommaso, ventenne, e la moglie Gaia Lucariello. Nelle loro pagine Instagram sono stati scritti centinaia di commenti contro l'allenatore:  “Simone è una delusione assurda”, “E’ scappato come un cane”, “Mercenario”, "Il dio denaro comanda sempre”, “Siete di Piacenza, che ne capite di Lazio”, Dì a papà che aveva mille modi per chiudere la nostra storia e ha scelto la peggiore, si vergognasse”. E ancora: “Non se ne va da signore”, “Delusione totale”, “Speriamo di non rivederlo più all’Olimpico”. E questa è solo una selezione.

 

Il figlio non ha retto ed ha risposto. “Mio padre ama la Lazio e la amerà sempre. E’ stato con voi anche quando nessuno sarebbe rimasto. Ha vinto per voi quando nessuno avrebbe potuto vincere. Molte storie d’amore non finiscono come devono. Ma il sentimento che c’è stato per 20 anni rimane e rimarrà per sempre”. Insomma il figlio ricorda ai tifosi che tutte le emozioni che sono state vissute da calciatore e da allenatore dal padre nell'ambiente Lazio non saranno mai dimenticate. Alla base della decisione di Inzaghi, oltre all'offerta economica, ci sarebbe la volontà di iniziare un progetto nuovo. Tutte prospettive che gli avrebbe garantito l'Inter.