Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Juventus, lascia Paratici: al suo posto promosso Federico Cherubini

  • a
  • a
  • a

Addio alla Juve per Fabio Paratici. Ad annunciarlo è il club bianconero. "Dopo undici stagioni di lavoro intenso, di vittorie e di grande passione sul campo e dietro alla scrivania, Fabio Paratici, managing director Football Area della Juventus, lascerà il club", recita il comunicato. "Il suo contratto, in scadenza il 30 giugno 2021, non sarà rinnovato. "Fabio ha scritto in questi anni la storia della Juventus. Un percorso di crescita caratterizzato da professionalità, abnegazione e tanti successi - si legge in un comunicato firmato dal presidente Andrea Agnelli -. Diciannove trofei in 11 anni sono la miglior testimonianza del suo lavoro, che si iscrive appieno nella lunga tradizione del nostro club. Oggi è il momento di ringraziarlo per aver saputo creare un forte legame professionale, accompagnato dalla passione quotidiana". Agnelli e Paratici incontreranno i media il prossimo venerdì 4 giugno presso l’Allianz Stadium. 

 

 

A prendere il posto di Paratici sarà Federico Cherubini. Umbro di Foligno, sono trascorsi circa nove anni, era il 2012, dall’arrivo di Cherubini nella Torino bianconera, voluto proprio da Marotta e Paratici per essere il direttore sportivo di una squadra che non esisteva: quella composta da tutti i giocatori bianconeri in prestito, che la Juventus voleva però seguire come se stessero giocando in bianconero. Passato attraverso il ruolo di responsabile del settore giovanile, Cherubini ha poi avuto un ruolo chiave assieme a Claudio Chiellini nel progetto seconda squadra, costruendo la prima Juventus Under 23, e ha assunto compiti via via più importanti nell’ambito della prima squadra. Compiti che ora si avviano a essere della massima importanza, con il ruolo di primo dirigente dell’area sportiva. Federico Cherubini, dirigente di alta competenza, mai è risultato indagato nel caso dell'esame farsa di Suarez a Perugia. Si attendono comunicazioni ufficiali della Juventus sulla sua nomina.

 

 

"Sono stati anni bellissimi, di crescita professionale e di forti emozioni - ha affermato Paratici -. La Juventus mi ha concesso l’opportunità di svolgere la mia attività in piena libertà e senza condizionamenti nel pieno rispetto del mio ruolo. Per questo desidero ringraziare tutto il club, il mio staff, i dipendenti, i collaboratori, i calciatori, gli allenatori, gli azionisti, e, in particolare, il presidente, Andrea Agnelli".