Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Ternana, ascolta Salzano: "Vorrei restare qui a lungo"

ternana-perugia 1-0 supercoppa Foto: principi

Il centrocampista ha deciso il derby di Supercoppa con il Perugia

  • a
  • a
  • a

Ha deciso il derby con un’incursione in area nella ripresa. È stato il miglior giocatore della Supercoppa, jolly durante l’anno ricoprendo diversi ruoli, anche quello di terzino sinistro in piena emergenza. Insomma, senza ombra di dubbio, quella che si è appena chiusa è stata la migliore stagione per Aniello Salzano in rossoverde. Per il centrocampista adesso un meritato riposo prima di tuffarsi di nuovo in campo nella serie cadetta, dove per Salzano la Ternana dirà la sua parte. Sempre con la maglia delle Fere indosso. Aniello, quello del derby è stato il gol più importante della sua carriera? “Per emozione e importanza direi proprio di si. Mi sono lanciato in area sapendo che quando la palla è nei pressi di Cesar qualcosa può sempre succedere. Un mix di sensazioni tanto forti che non sapevo neanche come esultare”. Ha fatto gol in entrambe le partite, segno che si è preparato al massimo per l’appuntamento? “Sono e siamo sempre sul pezzo in ogni gara da affrontare. Anche a campionato acquisito non abbiamo mai mollato, consapevoli che bisogna onorare gli impegni sempre al massimo delle energie fisiche e mentali”.

 

In campionato ha ricoperto anche il ruolo di terzino sinistro, ormai si sente a suo agio anche in quella porzione di campo? “Mi sono applicato molto per apprendere i fondamentali tattici di quel ruolo. Tutto grazie anche agli insegnamenti di Carlo, che mi ha dato continui e importanti consigli a riguardo. Carlo è un grande uomo oltre che un grandissimo giocatore”. Quindi, in caso di emergenza, potrai ricoprirlo anche in futuro? “Perché no. Ormai è un ruolo che sento mio”. Ora per la Ternana si aprono le porte della Serie B. Quali sono le differenze con la Lega Pro? “Squadre molto organizzate e costruite con giocatori di qualità. Non ci sono squadre che non sanno stare bene in campo. Sarà un bel test”.

 

E in questo test come vede la Ternana? “Secondo me la squadra potrà giocare un ruolo di tutto rispetto anche nella prossima stagione”. Si vede ancora con la maglia rossoverde indosso? “Io lo spero e me lo auguro non solo per il prossimo anno. La Ternana è una società seria, che ti permette di lavorare a 360 gradi senza tralasciare nessun dettaglio. Si lavora e si sta bene nella grande famiglia rossoverde”. Ha una dedica speciale per il gol del derby? “In primo luogo lo dedico alla mia famiglia. Però vorrei sottolineare una dedica speciale, ed è quella rivolta alla città e alla tifoseria. Anche in questa stagione difficile, dove il pubblico non ci ha potuto seguire allo stadio, i tifosi non hanno mai mancato di farci sentire il loro calore. Sono riusciti con la passione e l’attaccamento ai colori a colmare la distanza”.