Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Ternana-Perugia, le disposizioni per ordine e sicurezza pubblica. Le decisioni

  • a
  • a
  • a

Domani, sabato 22 maggio, alle 15 allo stadio Liberati di Terni si svolgerà l'atteso incontro Ternana-Perugia, valevole per la Supercoppa di serie C. La prefettura di Terni ha ufficializzato come si muoveranno le forze dell'ordine, dispositivo concordato nella riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, presieduta dal prefetto di Terni, Emilio Dario Sensi. In un documento si legge che "sono state vagliate le principali misure che le forze dell’ordine impegnate sul territorio, con il fattivo contributo del Comune di Terni, dovranno assicurare al fine di prevenire possibili incursioni delle opposte tifoserie, non solo a tutela dell’incolumità delle singole squadre calcistiche e del loro seguito, ma a salvaguardia della sicurezza generale dei cittadini". Le misure sono state inoltre oggetto di ulteriore approfondimento nel corso della riunione tecnico operativa che si è svolta nella Questura di Terni il 19 maggio.

"Nonostante la perdurante assenza del pubblico, legata alle restrizioni ancora vigenti - si legge nel documento - le misure concordate mirano principalmente a disciplinare la viabilità in prossimità dello stadio comunale e dell’area ove risiede la squadra padrona di casa al fine di scongiurare eventuali atti dimostrativi da parte delle tifoserie. In tale contesto, il Comune di Terni, Direzione polizia locale–mobilità, ha adottato apposita ordinanza che istituisce il divieto di circolazione e di sosta, con rimozione forzosa dei veicoli, dalle ore 10 alle 18 del 22 maggio, lungo entrambi i lati di via Pettini, compresa l’area di parcheggio retrostante la curva nord, in Strada San Martino, ad eccezione dei residenti". 

"Dalle 12 alle ore 19 - continua la nota - è inoltre prevista la chiusura al traffico sia veicolare che pedonale lungo Viale dello Stadio e Via Bramante, assicurando in ogni caso l’accesso ai residenti. Saranno come di consueto assicurati i controlli per prevenire possibili fenomeni di assembramento, al fine di mantenere sempre alto il livello di attenzione con l’obiettivo di far rispettare le norme di contenimento del contagio il rischio associato al quale non è ancora definitivamente superato".