Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Giro d'Italia 2021, a Verona super volata di Nizzolo. Beffato Affini, terzo Sagan

  • a
  • a
  • a

Bellissima volata nella tredicesima tappa del Giro d'Italia 2021, che ha portato la carovana rosa da Ravenna a Verona dopo 198 chilometri, con ruggito di Giacomo Nizzolo (Team Qhubeka Assos). Il campione d'Italia ha bruciato in rimonta Edoardo Affini (Jumbo) che aveva tentato il colpaccio con un allungo poco dopo l'ultimo traguardo.

 

 

La tappa ha sonnecchiato per gran parte dello svolgimento, con Rivi, Pellaud e Marengo che hanno cercato fortuna in fuga per essere poi ripresi dal gruppo tirato dalle squadre dei velocisti alle porte di Verona. Nell'ultimo chilometro la sorpresa con la Jumbo che ha preso il comando delle operazioni ma anziché tirare la volata a Groenewegen, ci ha provato Affini che è stato lanciato da un buco dei compagni. Al cronoman azzurro sono mancati 70-80 metri, Nizzolo lo ha scavalcato proprio alla fine dopo essere partito forzatamente molto lungo per recuperare il tempo perso. Al terzo posto si è piazzato Peter Sagan (Bora). Niente da fare invece per Elia Viviani: il corridore della Cofidis, che arrivava in casa, è rimasto chiuso ai 700 metri e non è riuscito a giocarsi come voleva lo sprint.

 

 

Per Nizzolo si trattaa della prima vittoria di tappa al Giro d'Italia dopo tantissimi piazzamenti tra cui ben dodici volte al secondo posto. Il corridore milanese, 32 anni, è il campione italiano in carica (titolo vinto anche nel 2016) oltre che europeo. Al Giro ha vinto due volte la maglia ciclamino a punti (2015 e 2016). Quest'anno si era imposto nella Clasica de Almeria e si era piazzato secondo alla Gand-Wevelgem. In carriera ha vinto alcune classiche del circuito italiano: il Gran Piemonte, la Coppa Bernocchi e il Gp Nobili. Vanta anche un quinto posto alla Milano-Sanremo (2020). Ora proverà a vincere la terza maglia ciclamino della sua carriera, Sagan permettendo.