Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Buffon, la proposta del dirigente folle è del Monza: Galliani lo vuole con Inzaghi in panchina

  • a
  • a
  • a

Mercoledì sera Gigi Buffon aveva svelato di aver ricevuto il messaggio “di un dirigente più folle” di lui, con annessa offerta di una maglia da titolare per l’anno prossimo e continuare così a giocare. Dietro quel messaggino ci sarebbe Adriano Galliani che vorrebbe il portierone campione del mondo a Berlino 2006 come prossimo portiere del Monza. E sulla panchina della squadra brianzola, sconfitta nella semifinale play off della Serie B, l'ex dirigente del Milan vorrebbe mettere un altro eroe di Berlino, quel Pippo Inzaghi fresco di retrocessione con il Benevento.

 

 

Galliani avrebbe dunque offerto al 43enne Buffon la maglia da titolare tra i pali del Monza nella prossima stagione, ovviamente di concerto col presidente Berlusconi. Già nel post Calciopoli il dirigente provo a portare il portiere carrarino al Milan a quel tempo gestito proprio dalla coppia Berlusconi-Galliani. Probabilmente l'offerta da parte di Galliani è stata recapitata al portiere della Juve quando il Monza era ancora in corsa per la promozione in Serie A, speranza archiviata proprio ieri sera dopo l'eliminazione ad opera del Cittadella. I brianzoli, che nella seconda parte della stagione hanno avuto l'apporto di Mario Balotelli, ripartiranno dunque il prossimo anno ancora dalla B.

 

 

Quanto alla panchina, Cristian Brocchi - l'allenatore che ha vinto il campionato di Serie C, potrebbe essere rimpiazzato da Pippo Inzaghi, in uscita dal Benevento dopo la dolorosa retrocessione. Inzaghi, oltre a essere stato l'attaccante preferito di Galliani nelle mitiche stagioni degli anni Duemila al Milan con Superpippo grande protagonista soprattutto delle grandi notte europee in Champions, ha già lavorato come tecnico alle dipendenze del noto Condor nella sua prima panchina da professionista proprio al Milan. Ora - a meno di chiamate dalla Serie A - Inzaghi potrebbe ripartire dalla Serie B che ha già conosciuto allenando prima il Venezia (play off) e poi il Benevento (promozione in A).