Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Superlega, Gravina minaccia la Juventus: "Se non rispetta le regole è fuori dal campionato"

gravina

  • a
  • a
  • a

"Le società, quando chiedono di far parte del campionato italiano di calcio, devono accettare i principi statutari degli organismi internazionali. Se la Juventus non dovesse accettare questi principi, è fuori dal campionato nazionale. Mi dispiace ma le regole valgono per tutti". Gabriele Gravina, presidente della Figc, a margine di un evento a Napoli ha confermato come la società bianconera rischi una clamorosa esclusione se non dovesse rinunciare, come fatto invece da altri 9 club che hanno trovato un accordo con la Uefa, al progetto Superlega.

 

 

Momento davvero negativo per il club bianconero che ha tutti contro. Senza dimenticare la tremenda sconfitta di domenica sera, in casa, contro il Milan capace di vincere 3-0 e far sprofondare la Juve in quinta posizione: la qualificazione alla prossima Champions League si è davvero complicata e sembra davvero difficile che i bianconeri riescano a recuperarla. Gravina ha poi detto la sua su un altro tema di stretta attualità: "Lotito e la Salernitana avevano ricevuto una deroga ma sapevano cosa sarebbe successo con questo importante risultato. Faccio i miei grandi auguri a questo storico club ma le regole sono regole" spiega Gravina sulla promozione della Salernitana in serie A, Lotito infatti non potrà mantenere contemporaneamente la proprietà sia del club campano che della Lazio. 

 

 

Sulla riapertura degli stadi: "Il nostro Paese ha bisogno di tornare alla normalità. Pensare agli stadi come due anni fa è una speranza che dobbiamo coltivare insieme, oltre a incentivare la campagna vaccinale. Il calcio è fautore di sblocchi continui, anche per le altre discipline sportive (riferendosi alla presenza di pubblico, ndr). Il famoso 11 giugno (in cui si giocherà Italia-Turchia con il 25% delle presenze allo stadio Olimpico, ndr) è stata una tappa importante e ora anche la Coppa Italia è in scia" ha spiegato il numero uno della Figc.