Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Pirlo, esonero imminente. Lapo Elkann: "La Juventus merita professionalità"

  • a
  • a
  • a

Andrea Pirlo dopo il tracollo con il Milan, i rossoneri hanno vinto 3-0 allo Stadium di Torino, non si è dimesso ma nelle prossime ore potrebbe essere esonerato. Dopo dieci anni la Juventus si trova fuori dalla zona Champions, si tratta del punto più basso recente nella storia del club bianconero. 

 

 

Secondo il quotidiano torinese La Stampa, quando alla fine del campionato mancano appena tre giornate e con la Juve staccata di un punto dal quarto posto occupato dal Napoli, in piena crisi d'identità, i dirigenti bianconeri potrebbero tentare la classica scossa della disperazione sostituendo Pirlo con Igor Tudor - attuale vice allenatore - già per l'imminente sfida di mercoledì a Reggio Emilia contro il Sassuolo. Poi tra poche settimane sarà rivoluzione totale: staff, giocatori ma anche dirigenti. La sconfitta con il Milan è arrivata sotto gli occhi di John Elkann, proprietario della Juve con Exor, holding della famiglia Agnelli-Elkann, che non può aver gradito la scialba esibizione dei bianconeri. In estate si penserà alla ricostruzione dunque sentenza dell'Uefa permettendo: il caso Superlega potrebbe pesare ancora di più del tracollo sportivo e finanziario.

 

 

La sconfitta di ieri sera della Juventus ha poi scatenato la reazione di Lapo Elkann, fratello del presidente di Exor, John Elkann e nipote di Gianni Agnelli. Sul suo profilo Twitter l’imprenditore ha scelto parole dure per descrivere l’amarezza dopo lo 0-3 contro il Milan. “Vedere la Juventus così fa male al cuore. La storia e la maglia meritano più amore, rispetto, passione e professionalità. Svegliatevi tutti!”, queste le parole di Lapo con la Juve che adesso rischia seriamente di non andare in Champions League il prossimo anno. Un tweet che sembra non voler risparmiare nessuno, dai giocatori alla dirigenza passando per Pirlo primo ma non unico responsabile del tracollo bianconero in questa stagione.