Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Juventus-Milan 0-3, gol e highlights: decisivi Diaz, Rebic e Tomori. Notte fonda per Pirlo | Video

  • a
  • a
  • a

Grande successo del Milan in casa della Juventus, nel big match valevole per la trentacinquesima giornata di Serie A. I rossoneri infatti sbancano l'Allianz Stadium per la prima volta nella loro storia in campionato, travolgendo 3-0 i bianconeri che ora sono vicini a una clamorosa mancata qualificazione alla prossima Champions League.

 

 

La squadra di Pioli aggancia al secondo posto l'Atalanta, a quota 72, mentre la formazione di Pirlo scivola al quinto posto, sempre a 69, a -1 dal Napoli quarto.

 

 

Le reti sono state messe a segno da Brahim Diaz nel primo tempo, nei minuti di recupero. Poi nella ripresa il Milan dilaga, nonostante l'uscita di Ibrahimovic per infortunio. Prima l'errore dal dischetto di Kessiè, che sciupa il rigore del possibile raddoppio.

 

 

Ma non basta a fermare la grinta dei rossoneri, che realizzano il 2-0 con Rebic e addirittura il 3-0 con Tomori.

 

 

Per la Juve notte fonda. Sotto gli occhi di Andrea Agnelli e John Elkann, la Vecchia Signora non è mai stata così allo sbando, al contrario la tenuta psicologica dei ragazzi di Pioli è stata appunto confermata soprattutto dopo il rigore sbagliato da Kessie A sbloccare il risultato, nel primo tempo, è stato quindi Brahim Diaz nel primo minuto di recupero. Qualche momento di suspence per un’occhiata al Var ma la rete viene assegnata ai rossoneri dal direttore di gara, Valeri. Nella ripresa è Rebic a superare Szczesny al 78’ con un gol da antologia, passaggio di Bennacer e gran tiro da lontano: sette di destra centrato in pieno. Solo poco prima lo stesso Rebic si era visto parare un ulteriore tentativo. Il tris arriva con Tomori dopo una punizione battuta da Calhanoglu all’82’. Trionfo per il Milan di Pioli, Pirlo sempre più in bilico sulla panchina bianconera. Per lui, questo finale di campionato (oltre alla finale di Coppa Italia contro l'Atalanta) pare dover essere una autentica agonia. Allegri o Zidane per il futuro.