Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Berrettini, il cuore non basta a Madrid: Zverev si impone in tre set e vince il torneo

Esplora:

  • a
  • a
  • a

Nulla da fare per Matteo Berrettini. Nella finale del Master 1000 di Madrid infatti, il tennista romano si è dovuto arrendere al tedesco Zverev in tre set: 6-7, 6-4, 6-3. Una partita comunque equilibrata, nella quale l'azzurro ha comunque lottato punto su punto, fino alla resa finale. Per Berrettini tuttavia sono stati molti i segnali incoraggianti, soprattutto in vista della settimana che lo vedrà impegnato nel torneo di casa, al Foro Italico di Roma. Per il tennis italiano un'altra finale persa dopo quella di Sinner a Miami. Ma ci sarà tempo e modo per rifarsi.

 

 

Resta per Berrettini un torneo positivo: "È sicuramente una gran bella sensazione”, ha raccontato l'azzurro dopo la semifinale vinta con Ruud. "In un certo senso è differente rispetto alle altre finali, ma quando si tratta di andare in campo ti ritrovi a pensare semplicemente che è una finale. Il telefono è pieno di messaggi: la mia famiglia, la mia ragazza, poi con calma risponderò a tutti", aveva detto sabato 8 maggio. Berrettini ha ripensato al percorso dopo l'infortunio agli Australian Open: "Ho pensato a me stesso e alla fatica che ho fatto per arrivare qua. Sono ancora più felice per le difficoltà che ho avuto dopo l’infortunio - ha commentato -. Non mi voglio fermare, non è finita, ma sento tanta volontà di tornare e di essere più forte di prima. Devo continuare così".

 

 

Il segreto è stato (anche) il suo manager, Ljubicic: "A volte è questione di mantenere alta la fiducia. C’è stato un momento in cui Ivan Ljubicic, il mio manager, mi ha detto che credeva davvero in me - ha affermato Berrettini -. Queste sono cose che aiutano, soprattutto quando arrivano da qualcuno che come lui ha avuto una carriera incredibile. In ogni momento ho sentito il supporto del mio team". Ora Berrettini proverà a ripetersi, o magari migliorarsi, al Foro Italico.