Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Lazio, Lotito cerca il colpo clamoroso. Può scippare lo stadio di Tor di Valle alla Roma

  • a
  • a
  • a

Clamoroso nella Capitale, Tor di Valle da Stadio della Roma potrebbe diventare Stadio della Lazio. Lotito potrebbe scippare il progetto ai cugini giallorossi. E' l'indiscrezione lanciata in un servizio de Il Tempo (clicca qui) formato da Fernando Maria Magliaro uno degli esperti storici del progetto dello Stadio della Roma. La notizia l'ha lanciata l'Espresso in un articolo dedicato all'immobiliarista ceco Rodovan Vitek che è subentrato nell'affare nei mesi scorsi prima della marcia indietro della Roma che ha deciso di troncare il rapporto con la Eurnova di Luca Parnasi. Vitek vuole mantenere in piedi il sogno di realizzare lo stadio nell'area dell'ex ippodromo di Tor di Valle che è stato poi il sogno della Roma targata James Pallotta. Per questo ha liquidato tutti i crediti pendenti nell'area cancellando tutti i pignoramenti. Da quello che sembra l'imprenditore ceco è pronto ad offrire il progetto "chiavi in mano" alla Lazio come piano B se la Roma veramente deciderà di mollare l'impresa. E da quello che riferisce Il Tempo, Lotito sarebbe tutt'altro che disinteressato. Insomma il numero uno della Lazio vuole andare a vedere le carte. Le indiscrezioni per ora non sono state smentite né da Vitek, nè da Lotito.

 


La formula per far entrare la Lazio nell'affare sarebbe quella pensata in un primo tempo per la Roma: l'affitto da pagare a una terza società terza. Insomma invece di pagare il Coni per l'Olimpico si verserebbe il canone a Vitek per giocare nel nuovo stadio di Tor di Valle. Con una formula che prevede il passaggio di proprietà dopo un tot di anni, si parla di 30 anni. Per ora sono indiscrezioni che, tuttavia, va ribadito, non sono state smentite.

 

 

Si tratterebbe di un clamoroso ribaltone con la concreta ipotesi che la Lazio possa inaugurare lo stadio di proprietà in anticipo rispetto ai cugini che lo hanno inseguito per oltre 10 anni.