Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Real Madrid-Chelsea, probabili formazioni e dove vederla in tv: le scelte di Zidane e Tuchel

  • a
  • a
  • a

Appuntamento in prima serata con la Champions League, martedì 27 aprile. Dopo il caos della Superlega serata di gala allo stadio Di Stefano, a Valdebebas, per l'andata delle semifinale della massima competizione europea. In campo i tredici volte campioni del Real Madrid, contro il sorprendente Chelsea. Il tecnico dei blancos, Zinedine Zidane, arriva a questa sfida con alcune assenze pesanti ma anche con dei recuperi importanti. Mancheranno infatti Mendy, Sergio Ramos, Valverde e Vazquez, ma Zizou ha ritrovato Hazard negli scorsi giorni. Così gli spagnoli dovrebbero schierarsi con Carvajal, Varane, Militao e Nacho davanti all'ex Courtois. Il centrocampo è quello solito con i tre fuoriclasse Casemiro, Kroos e Modric, mentre davanti il talento di Vinicius e Asensio supporterà Benzema.

 

 

Per quanto riguarda il Chelsea, Tuchel dovrà fare a meno dell'ex Inter, Mateo Kovacic, quindi a centrocampo confermato l'impiego di Jorginho e Kanté, con James e Chilwell ad agire sulle fasce. In difesa Azpilicueta, Thiago Silva e Rudiger, mentre il tridente offensivo sarà composto da Mount, Havertz e Werner.

 

 

Queste le probabili formazioni. Real Madrid (4-3-3): Courtois; Carvajal, Varane, Militão, Nacho; Casemiro, Kroos, Modrić; Vinícius Jr, Benzema, Asensio. All. Zinedine Zidane. Chelsea (3-4-3): Mendy; Azpilicueta, Thiago Silva, Rüdiger; James, Jorginho, Kanté, Chilwell; Mount, Havertz, Werner. All. Thomas Tuchel. Diretta tv su Sky Sport 1 (canale 201) e Canale5, in chiaro. Fischio d'inizio a partire dalle 21. Mercoledì 28 aprile invece sarà la volta del big match tra Psg e Manchester City, una sorta di finale anticipata quella tra le due squadre degli sceicchi. La formazione di Pep Guardiola infatti sarà di scena al Parco dei Principi per cercare di contrastare le stelle dei parigini Neymar e Mbappè. Guardiola è a caccia della sua prima finale europea dopo il suo addio dal Barcellona: l'obiettivo è dimostrare di saper vincere la Champions League anche lontano dalla Catalogna.