Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Donnarumma, ipotesi Juve. Possibile addio del portiere al Milan

  • a
  • a
  • a

Gianluigi Donnarumma in futuro potrebbe vestire la maglia della Juventus. Secondo le indiscrezioni di calciomercato, il futuro dell'attuale portiere del Milan potrebbe essere proprio alla corte della Vecchia Signora. Il club torinese, infatti, pare intenzionato a investire sul giovane estremo difensore che indossa anche la maglia della nazionale. Nella giornata di ieri, mercoledì 14 aprile, ci sarebbe stato un incontro tra il procuratore del portiere, Mino Raiola, e l'ad della Juve, Fabio Paratici. Secondo le notizie che filtrano, si sarebbero visti allo J-Hotel. Alcuni siti sostengono che anche se Pratici ha smentito la sua presenza, poteva essere collegato via computer oppure tramite portavoce.

Naturalmente un'operazione del genere sarebbe particolarmente complessa dal punto di vista economico. La trattativa del resto è quella già vissuta in passato dal portiere, quando al Milan rinnovò il contratto a diciotto anni e Raiola gli consenti sei milioni di euro l'anno e uno al terzo portiere del club rossonero, Antonio, fratello di Gigio. E' chiaro che la società rossonera è molto legata al giocatore e vorrebbe mantenerlo in rosa, ma un braccio di ferro economico con il procuratore non è semplice e la Juve potrebbe inserirsi proprio in una trattativa del genere, offrendo una cifra più alta rispetto a quella che mette sul tavolo il club milanese. Se riuscisse a prendere Donnarumma, la Juve cederebbe Wojciech Szczęsny, estremo difensore che guadagna 6 milioni e mezzo a stagione, contrattualizzato fino al 2024. 

Naturalmente il Milan dovrebbe cercare sul mercato un'alternativa all'altezza e pare che la società si sia già mossa, individuando possibili sostituti di Donnarumma. Per il momento non emergono nomi perché i dirigenti vogliono continuare a trattare e sottoscrivere un nuovo accordo con l'estremo difensore, allungando ancora la sua permanenza in rossonero. Ultimamente, tra l'altro, Donnarumma è stato protagonista di gesti di affetto nei confronti della sua maglia.