Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Ternana, altro record: Lucarelli ha utilizzato tutti i 29 giocatori in rosa

 kontek a destra Foto: principi

Una presenza anche per i portieri di riserva Vitali e Casadei e il baby Ndir. Kontek il calciatore di movimento con più minutaggio

Michele Fratto
  • a
  • a
  • a

Tutti in campo con la Ternana. Avete capito bene. Nella miriade di statistiche maturate dalle Fere in questa stagione, c’è un altro primato che può spiegare il segreto dietro alla vittoria straripante dei rossoverdi in campionato. Nelle ultime due uscite, infatti, con l’esordio stagionale per i due portieri di riserva Vitali e Casadei, oltre al debutto del giovane difensore Ndir, Cristiano Lucarelli ha utilizzato almeno per un minuto tutti gli uomini a sua disposizione nella profonda rosa costruita nell’ultima finestra di mercato. Un traguardo impressionante raggiunto in una categoria, quella della Lega Pro, dove con una partita a settimana è difficile, se non impossibile, vedere un così largo impiego di giocatori. Ventinove rossoverdi si sono avvicendati dall’inizio dell’anno, tra chi ha fatto spoletta dentro e fuori la lista, e ventinove sono state le Fere che hanno solcato i vari campi di gioco in campionato. Tutto con un minutaggio, eccetto per poche eccezioni, ben spalmato sulle gare disputate fino adesso nel girone meridionale.

 

KONTEK LO STACANOVISTA In barba a tutti i luoghi comuni sulla necessità di esperienza e sul mancato coraggio nel lanciare le nuove leve, in cima alla lista per minuti giocati troviamo uno tra i più giovani del mazzo. Ivan Kontek, classe ‘97, è stato il giocatore di movimento più utilizzato da Cristiano Lucarelli. Alle spalle dell’inamovibile Iannarilli, il giovane difensore croato nelle ventinove partite disputate ha totalizzato la bellezza di 2.415’ minuti totali. Più dei gemelli del gol Partipilo-Falletti e di capitan Defendi, che lo tallonano a breve distanza. A suggellare l’idea di calcio del mister rossoverde, che a inizio anno ha dichiarato di essere “poco incline a cambiare gli automatismi difensivi una volta trovati”, subito dietro Kontek troviamo Boben con 2.373’ minuti.

 

La diga balcanica come base della formula magica rossoverde. Scorrendo la graduatoria, poi, tra novità e conferme si possono trovare tante sottigliezze. A chi dubitava della condizione atletica dopo un anno di poco calcio giocato, Cesar Falletti ha risposto con 2.216’ minuti in trenta partite. Proietti ha trovato una buona continuità mentre Filippo Damian, tra i ragazzi che di solito si alzano dalla panchina, è quello con più chilometraggio, avendo maturato 1.436’ minuti in ventotto partite. Così si passa dal balzo in avanti nelle presenze di Suagher fino all’impatto qualitativo di Peralta, che con meno di mille minuti ha apportato alla causa rossoverde gol e assist, alcuni anche decisivi. Tutto fino ad arrivare a giocatori in singola cifra di presenze come Celli, Diakité, Bergamelli e Onesti. Ventinove protagonisti per una cavalcata storica.