Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Padova-Gubbio 1-0, Chiricò su rigore tra le proteste

 gubbio-ravenna 3-1 Foto:  photostudio

Buona prova dei rossoblù contro la capolista, Carella di Bari in giornata no

  • a
  • a
  • a

Il Gubbio gioca e mette in difficoltà il Padova, ma i padroni di casa vincono grazie a un rigore dubbio trasformato da Chiricò nella ripresa (1-0). La cronaca: al 16’ Sainz Maza tira forte dai 16 metri, deviazione e palla che sfiora il palo. Risposta di Chiricò al 20' con tiro a giro, deviazione palla che esce sul fondo. Passano due minuti e Hamlili controlla e tira e Dini salva il risultato. Il Gubbio insiste, schiaccia il Padova e ci prova ancora su punizione con una botta su punizione dai 30 metri di Sainz Maza parata ancora da Dini. Non finisce lì: minuto 42’, Hamlili tira forte e Dini si supera, poi tci prova Malaccari e il tiro viene deviato in angolo. Non va. In chiusura di primo tempo il primo errore arbitrale: è il minuto 45’ Saber commette un fallaccio su Hamlili che gli sarebbe costato il secondo giallo, Carella di Bari lo grazia. 

 

Dopo il riposo si ricomincia con un’altra occasionassima per il Gubbio: corre il terzo minuto, Gomez angola di testa e Dini vola da un palo all’altro per dire ancora di no ai colori rossoblù. Gomez un minuto dopo ci prova con un tiro radente che sfiora il palo alla sinistra del portiere. La prima volta, del Padova se così si può dire, è con Rossettini all'8'che tira al volo senza pretese. L’aitante Chiricò prova a svegliare i suoi e al 10’ si fa ammirare con un traversone che supera Zamarion, ma Firenze che è sulla traiettoria di testa non ci arriva. Il secondo errore che avrebbe ridotto il Padova ancora in inferiorità numerica arriva al 13’ quando anche Mandorlini commette un brutto fallo su Sainz Maza, ma Carella fa proseguire. Poi il rigore del Padova per una spinta di Ferrini su Chiricò alquanto dubbia. Dal dischetto segna Chiricò che spiazza Zamarion.

 

Passano quattro minuti e il Gubbio reclama per un fallo di mano in area del Padova, l’arbitro fa proseguire. Finisce qui. Il Padova pensa solo a spezzare il gioco, il Gubbio comincia ad accusare un po’ di fatica e pur continuando a spingere in avanti non riesce più a rendersi pericoloso. Ultima annotazione: Carella di Bari è lo stesso arbitro che il 15 dicembre 2018 a Pordenone non vide tre falli in area di rigore dei friulani che poi, guarda caso, hanno vinto sempre per 1-0. Corsi e… ricorsi.