Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Golf, lo spettacolo del The Masters al via con Francesco Molinari

 molinari Foto:  fig

In Georgia (Usa) all'Augusta National GC parte la corsa alla “Green Jacket”. Chicco unico italiano in gara

  • a
  • a
  • a

Lo spettacolo della 85esima edizione del The Masters, ultimo Major del 2020 (quando fu posticipato da aprile a novembre per Covid) e primo del 2021. Ad Augusta, in Georgia (Usa) saranno 88 i concorrenti (tra questi tre amateur) che, da domani a domenica (8-11 aprile), si contenderanno la “Green Jacket”. Tra loro il campione in carica Dustin Johnson, numero 1 mondiale, e Francesco Molinari, unico azzurro in gara. Non ci sarà Tiger Woods, in fase di riabilitazione dopo il grave incidente automobilistico.

 

Negli stessi giorni al Miglianico Golf & Country Club (Chieti), in Abruzzo, andrà in scena il Campionato Nazionale Open. Sarà il primo evento della 15/a stagione dell’Italian Pro Tour, il circuito di gare nazionali e internazionali della FIG. Difenderà il titolo Giulio Castagnara. Nel field anche Matteo Manassero, reduce da due secondi posti – in altrettante apparizioni stagionali – sull’Alps Tour che gli sono valsi la leadership dell’ordine di merito del terzo circuito europeo.

 

THE MASTERS, COMINCIA LA CORSA ALLA GREEN JACKET  Da Johnson a Justin Thomas, da Jon Rahm a Collin Morikawa, da Bryson DeChambeau a Rory McIlroy. Il Masters Tournament sarà sfida tra campionissimi in un evento clou che sarà protagonista sul percorso dell’Augusta National GC, il teatro dei sogni del “green”. Dove Chicco Molinari cercherà l’impresa. Nel 2019 sfiorò il trionfo, F.Molinari pronto a giocarsi le sue chance -  Dopo un 2018 caratterizzato da vittorie in tutto il mondo, nel 2019 in Georgia (Usa) il torinese ha sfiorato una delle più grandi imprese della sua carriera. Sull’ “Amen Corner”, lì dove generalmente si decide il Masters, i sogni di gloria sono andati in frantumi. Ne approfittò Woods, che firmò il quinto capolavoro ad Augusta. L’azzurro chiuse il torneo al 5/o posto, sì con rimpianti ma con la consapevolezza di aver disputato una grande gara. Nel novembre 2020 in una edizione insolita della competizione il piemontese non riuscì invece a superare il taglio. Ora una nuova occasione, con il re della Ryder Cup 2018 di Parigi che giocherà i primi due giri con Fred Couples (vincitore del The Masters nel 1992) e Charles Osborne, uno dei tre amateur in gara