Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, positivi altri due calciatori dell'Italia: Florenzi e Grifo

  • a
  • a
  • a

Continua ad aumentare il numero dei giocatori della nazionale azzurra di calcio contagiati dal Covid 19. Il cluster si allarga: anche Alessandro Florenzi è risultato positivo al virus, dopo che era accaduto a Marco Verratti. Contagiato in casa del Paris Saint Germain che ha annunciato nella giornata di oggi, lunedì 5 aprile, l'esito degli ultimi tamponi. Ma non è finita qui. Oltre a Florenzi positivo anche Vincenzo Grifo. Nel suo caso è stato il Friburgo ad ufficializzare il risultato dell'esame. Il numero dei giocatori azzurri positivi dopo la sosta dei campionati per le sfide delle qualificazioni al Mondiale, continua ad aumentare.

Dopo lo staff e Leonardo Bonucci (Juventus), ora gli altri. L'ex giocatore della Roma, dunque, non potrà essere protagonista nella partita di Champions League in programma mercoledì che vedrà la sua squadra affrontare il Bayern Monaco. E' una delle sfide più importanti della stagione, visto che è valida per l'andata dei quarti. Relativamente a Grifo, invece, il Friburgo ha comunicato che il giocatore è stato immediatamente limitato alla quarantena e che non parteciperà ovviamente alla trasferta per la sfida di Mönchengladbach. Il club ha ufficializzato anche che tutti gli altri giocatori della rosa sono comunque risultati negativi al tampone.

Grifo non aveva preso parte alla trasferta azzurra contro la Lituania proprio a causa delle restrizioni anti Covid che in questa fase sono attive in Germania e che prevedono la quarantena per chi arriva da alcuni Paesi. Nella lista c'è proprio la Lituania. Dunque iniziano ad aumentare i calciatori positivi al Covid. Gli impegni delle nazionali favoriscono la diffusione del virus, visto che improvvisamente si trovano all'interno della stessa struttura calciatori provenienti da diverse realtà societarie e quindi è sufficiente un atleta positivo per diffondere il Covid e far sì che lo stesso finisca in diversi club, a meno che non venga individuato velocemente grazie a test e tamponi.