Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Alex Schwazer, petizione de Le Iene: "Firmate, è innocente. Portiamolo alle Olimpiadi"

  • a
  • a
  • a

Le Iene si mobilitano per cercare di ottenere che l'atleta italiano Alex Schwazer, marciatore e medaglia d’oro alle Olimpiadi di Pechino del 2008, possa disputare i prossimi Giochi Olimpici. Dopo i servizi mandati in onda nelle ultime puntate, la produzione della trasmissione che va in onda su Mediaset, lancia una raccolta firme sulla piattaforma chamge.org. E' un appello al presidente del consiglio dei ministri, Mario Draghi. "Schwazer - si legge - è stato vittima di un’ingiustizia. Lo scorso mese il tribunale di Bolzano ha archiviato le accuse di doping contro Alex, stabilendo che i campioni di urina erano stati alterati. La giustizia italiana si è opposta nettamente alla sua condanna, ma le istituzioni sportive continuano a tenerlo qualificato fino al 2024, non è giusto. Si chiede che ad Alex, ormai scagionato, venga data la possibilità di partecipare alle olimpiadi di Tokyo". 

Nell'appello viene spiegato nei dettagli cosa è accaduto: "Il 18 febbraio 2021 un giudice del tribunale di Bolzano ha disposto l’archiviazione delle accuse contro Alex Schwazer indagato per aver fatto uso di sostanze dopanti e, nella stessa ordinanza, ha stabilito con alto grado di credibilità razionale che i campioni di urina prelevati erano stati alterati allo scopo di farli risultare positivi. Nonostante la giustizia ordinaria si sia espressa così nettamente, al momento le principali istituzioni sportive che lo avevano squalificato fino al 2024, non sono disposte a riconsiderare il suo caso".

"Una squalifica che ha già tolto ad Alex 4 anni di vita e se le autorità sportive internazionali non si esprimeranno, Alex dovrà stare fuori dall’agonismo per altri 3 anni". Poi l'appello agli utenti: "Attraverso la tua firma non solo puoi aiutare Alex a partecipare alle Olimpiadi di Tokyo che si terranno fra pochi mesi, visto che è suo diritto. Ma anche batterti per uno sport trasparente e libero da ingiustizie". La petizione fino ad ora ha ottenuto oltre 60 mila firme, ovviamente l'obiettivo è raccoglierne il più possibile.