Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Sinner fa sognare a Miami, c'è Bublik per un posto in semifinale: il precedente a Dubai

Roberto Minelli
  • a
  • a
  • a

Jannik Sinner fa sempre più sognare gli appassionati di tennis in Italia e non solo. Martedì 30 marzo a Miami contro il finlandese Ruusuvuori ha disputato una partita da top ten, vincendo in sicurezza (cosa per nulla scontata) e conquistando così per la prima volta in carriera un quarto di finale in un Master 1000. Ma è chiaro che l'altoatesino non è tipo che si accontenta. Anche perché l'avversario di mercoledì 31 marzo è sì complicato da battere ma di certo non insormontabile. Si tratta del kazako Bublik, che ha superato lo statunitense Fritz.

 

 

L'ultimo precedente tra i due giocatori si è verificato a Dubai, dove l'azzurro si è imposto in tre set, in rimonta al termine di un match durissimo, vinto appunto con il risultato di 2-6 7-6 6-4. In caso di qualificazione in semifinale, Jannik si porterebbe a quota 2.129 punti nel ranking Atp, salendo fino alla 24esima posizione in classifica (attualmente è alla 31esima). Insomma, l'occasione è davvero ghiotta e siamo certi che Sinner farà di tutto per sfruttarla, visto l'obiettivo di arrivare in top ten al termine della stagione.

 

 

Per lui, classe 2001, è tutta una novità. Qualora infatti l'azzurro dovesse battere Bublik, sarebbe anche la prima volta di una semifinale in un Master 1000: la cosa bella del tennista di Sesto Pusteria è che sembra giocare con l'esperienza di un veterano, nonostante ancora non abbia compiuto 20 anni. A Miami poi potrebbe ritrovare come avversario Medvedev, numero 2 al mondo, che a Marsiglia lo ha battuto nettamente: ma era un Sinner non ancora al 100% e chissà, in Florida Jannik potrebbe avere più chance per compiere l'impresa. Ma non si deve correre troppo, prima c'è Bublik da battere e non sarà facile. L'inizio del match è fissato per le 21 ora italiana. E' finita agli ottavi invece l'avventura di Sonego, battuto 6-2 7-6 dal greco Tsitsipas.