Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Bulgaria-Italia 0-2, gol e highlights. Reti di Belotti e Locatelli: 24esimo risultato utile di fila | Video

Esplora:

  • a
  • a
  • a

Seconda vittoria su altrettante partite per la Nazionale italiana di Roberto Mancini, che dopo la vittoria contro l'Irlanda del Nord, rifila un altro 2-0 anche alla Bulgaria, conquistando il primo successo nella storia a Sofia e confermandosi al primo posto nel girone di qualificazione ai Mondiali in Qatar del 2022, in coabitazione con la Svizzera, anch'essa a punteggio pieno dopo il successo sulla Lituania, più sofferto del previsto. Ora è pari anche la differenza reti tra azzurri ed elvetici, entrambi a quota 6. Una Italia pratica, non bellissima, ma che comunque ha saputo ottenere il suo 24esimo risultato utile di fila. Gli uomini di Mancini nella prima frazione si sono riversati quasi costantemente (una sola parata di Donnarumma) nella metà campo bulgara, senza creare molto. Manovra lenta che si è infranta contro il muro degli avversari, limitati tecnicamente. Basti pensare che il giocatore più pericoloso era apparso Spinazzola. Gara equilibrata nel primo tempo, con azzurri appunto forse un po' lenti nella manovra. Ma al 43' arriva l'episodio che sblocca il match: Sensi in verticale serve Belotti, che subisce una spinta dal diretto avversario. Belotti accentua quanto basta la caduta e per l'arbitro è calcio di rigore, che lo stesso Gallo trasforma con freddezza.

 

 

Nella ripresa la Nazionale soffre un pochino il tentativo di reazione dei bulgari, ma riesce tuttavia a gestire piuttosto serenamente il risultato, anche se Sensi rischia qualcosa nella sua area per un presunto tocco di mano. Mancini effettua qualche sostituzione, tra queste anche Locatelli al posto proprio di Sensi. E il neo entrato ripaga la fiducia del commissario tecnico, andando a realizzare una splendida rete per il 2-0, con un pregevole tiro a giro sul palo più lontano, su assist di Insigne.

 

 

Adesso, in Lituania, la più facile partita di questo trittico verso Qatar 2022. L’importante era cominciare bene. Due vittorie senza patemi, anche se non del tutto convincenti.