Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Gubbio record, 2360 euro per la maglia di Signorini

 signorini

E' andata all'asta la casacca del goleador che ha deciso il derby con il Perugia

Luca Mercadini
  • a
  • a
  • a

D’accordo la doppietta, la vittoria del Gubbio con il Perugia, il successo nel derby che mancava da 73 anni. E mettiamoci pure il desiderio di tifosi e collezionisti di conservare una maglia storica e unica con i colori della Festa dei Ceri. Ma certo nessuno poteva immaginare che la casacca indossata da Andrea Signorini potesse arrivare a tanto. Il primo round dell’asta benefica indetta dall’As Gubbio e dall’associazione no profit “gliamicidicate” è andata al di là di ogni più realistica previsione. A cominciare dalla maglietta di Signorini che è stata venduta per 2.360 euro. Ad acquistarla ci ha pensato un noto tifoso del Gubbio che, probabilmente, la vorrà mettere nel cassetto dei ricordi. Ma c’è sicuramente dell’altro. E proprio l’intento benefico è stata la molla che ha fatto lievitare la quotazione con tanti tifosi, ma anche gente comune, che si è voluta stringere attorno all’associazione gliamicidicate e dare il proprio contributo a una nobile causa.

 

Ecco, allora, che alla chiusura del primo lotto delle operazioni di vendita il risultato è strabiliante: quasi 6.000 euro per otto magliette. Detto di Signorini primo assoluto, ci sono gli 825 euro incassati per la divisa di Pellegrini, autore del terzo gol con il Perugia. Sul podio anche Fedato (510 euro), mentre la maglietta di Cinaglia è stata valutata 498 euro. C’è poi Sorbelli, giovane perugino che gioca a Gubbio che ha portato alla causa 328 euro. Sempre tra le grandi sorprese, non vanno dimenticati i 282 euro per la maglia del portiere Savelloni che deve ancora esordire tra i pali rossoblù, mentre Sdaigui è arrivato a quota 308 euro. Chiude il primo giro Megelaitis, uno dei migliori nel derby con i biancorossi, con 725 euro. Da ieri è iniziata la vendita del secondo lotto che vedrà all’asta le casacche di Elisei, Cucchietti, Shady Oukhadda, Serena, Ingrosso, Formiconi, Hamlili, Gomez e Uggè. 

 


“Siete stati generosissimi”, è il commento dell’As Gubbio mentre la piccola Caterina ha voluto salutare la squadra dopo l’impresa contro il Perugia: “Vittoria indimenticabile. Cari amici, tifosi, giocatori e eugubini, sono davvero super emozionata che il Gubbio si sia aggiudicato la vittoria contro il Perugia. Dopo tanti, tanti anni ha di nuovo superato questa forte squadra. Un abbraccio speciale e un bacio grandissimo. Spero di avervi portato fortuna in questa partita così importante e dura da superare. Io sono sempre qui a fare il tifo per voi e sostenervi sempre in ogni vostra prossima partita. Forza Gubbio”. Caterina, 9 anni, è affetta da SMA, atrofia muscolare spinale, malattia genetica che fin dai primi mesi di vita colpisce le cellule nervose del midollo spinale, quelle che trasmettono gli impulsi ai muscoli volontari degli arti. A Caterina a fine gara Torrente e i suoi giocatori hanno voluto dedicare il successo nel derby. Poi l’asta e i primi sorprendenti risultati. Ma non finisce qua. Già, ieri, al via del secondo lotto la divisa di Juanito Gomez era quasi 900 euro