Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Gubbio-Perugia 3-2, la storia da brividi di Gianluca, Andrea Signorini e Vincenzo Torrente

Foto: photostudio

Tre personaggi di calcio, il 17 marzo e un unico colore: il rossoblù

Luca Mercadini
  • a
  • a
  • a

Il 17 marzo di 61 anni fa nasceva Gianluca Signorini, leader carismatico e bandiera del Genoa, il 17 marzo 2021 il figlio Andrea, centrale difensivo del Gubbio realizza una magnifica doppietta che permette alla squadra rossoblù di vincere il derby con il Perugia dopo 73 anni. Il 17 marzo del 1996, esattamente 25 anni fa, Vincenzo Torrente allenatore del Gubbio e di Andrea Signorini alzava, nel tempio di Wembley, la prestigiosa coppa Anglo Italiana, ultimo trofeo vinto dal Grifone. Un giorno più tardi, il 18 marzo 1992, sempre il Genoa con Signorini capitano e Torrente terzino destro andava a vincere ad Anfield Road contro il Liverpool, prima squadra italiana a farlo, strappando il pass per una storica semifinale di Coppa Uefa.

 

Gianluca e Andrea Signorini e Vincenzo Torrente: un filo comune lega le storia di questi tre personaggi del calcio italiano. L'eterno capitano del Genoa se ne è andato a 42 anni, vittima della Sla, la sua maglia è stata ritirata dal club, a lui è stato dedicato il campo di allenamento di Pegli come la gradinata dell'Arena Garibaldi di Pisa, sua città natale. Gianluca e Torrente hanno giocato insieme sette anni con la maglia del Grifone, Andrea è cresciuto negli Allievi e nella Primavera del Genoa allenata dall'attuale tecnico del Gubbio. Che di quel ragazzo promettente non si è mai dimenticato e che ha voluto portare con sè nella sua nuova avventura in Umbria dopo i fasti della doppia promozione con il salto in serie B. Gianluca è stato uno dei liberi più forti degli anni 80. Non ha visto la nazionale perché chiuso da due mostri sacri del ruolo, Scirea e Baresi. Leader in campo e fuori, insuperabile nel colpo di testa, prestante nel fisico, illuminato quanto a senso tattico. Andrea è meno difensore di papà e non ha la robustezza del suo corpo ma ha più tecnica e vede la porta che è una meraviglia. Quest'anno è già a quota tre reti con la fantastica doppietta rifilata al Perugia che lo porta, proprio come Il suo allenatore, dritto nella storia del Gubbio.

 

Gianluca e Andrea Signorini, Vincenzo Torrente. Tre storie che si intrecciano in un unico colore (il rossoblù) e con una data nel cuore (17 marzo). Emozioni, sentimenti, brividi, lacrime e poesia si mescolano tra i cori dei tifosi fuori dallo stadio, i clacson delle auto in festa e i fuochi d'artificio nel cielo del Barbetti. È la serata più bella del calcio eugubino post serie B.