Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, Inter in ansia per Beppe Marotta: l'ad è ricoverato in ospedale

Esplora:

  • a
  • a
  • a

E' ricoverato all'Humanitas di Rozzano l'amministratore delegato dell'Inter, Beppe Marotta. Lo è da qualche giorno a causa del Covid. Marotta è positivo dallo scorso 25 febbraio. A scriverlo è il Corriere della Sera, secondo cui le condizioni del dirigente nerazzurro sarebbero comunque in miglioramento. Marotta tuttavia resta in osservazione. Stessa situazione per Adriano Galliani, ex ad del Milan e oggi al Monza. "Numerose le testimonianze d’affetto pervenute ai familiari, dallo stesso Berlusconi a Massimo Moratti passando per Massimiliano Allegri - si legge sul quotidiano milanese -. Entrambi i pazienti vengono segnalati come insofferenti all’imposta inattività. Ma la partita più importante da giocare è la loro".

 

 

Marotta era risultato positivo insieme all’altro ad Alessandro Antonello, al direttore sportivo Piero Ausilio, al suo vice Dario Baccin, al legale del club Angelo Capellini e a un membro dello staff tecnico. Marotta, Antonello e Capellini erano presenti, inoltre, lunedì 22 febbraio, all’assemblea elettiva della Figc e i primi sintomi per Marotta (poi presente anche martedì 23 al funerale di Mauro Bellugi a Milano) sarebbero comparsi proprio dopo la riunione in Federcalcio. In questo momento dunque l'Inter è alle prese con un periodo a due facce: bellissimo sul campo, con la squadra reduce da sette vittorie consecutive e al primo posto in classifica con +6 sul Milan.

 

 

Incerto sotto il profilo societario: dalla Cina le notizie provenienti dalla proprietà non sono del tutto chiare, con Suning pronta a vendere il club e due fondi tra i più accreditati per rilevare la società nerazzurra. In più il problema Covid, che di fatto ha tolto di mezzo (per il momento) i dirigenti presenti in Italia, che pertanto non possono fare scudo alla squadra. L'unico punto di riferimento - in questo momento decisivo della stagione - è soltanto Antonio Conte. Le condizioni di Marotta e degli altri dirigenti tuttavia sono in miglioramento e l'auspicio è che tornino al lavoro per la fine dell'annata. Magari per festeggiare lo Scudetto.