Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia-Legnago 4-0, decisivo Elia con una doppietta. Poi Bianchimano e Melchiorri

Nicola Uras
  • a
  • a
  • a

Il Grifo continua a vincere: sesta vittoria nelle ultime sette partite. Con il netto 4-0 al Legnago prova a mettere un po' di pressione a Sudtirol e Padova impegnate tra pochi minuti nel venticinquesimo turno del campionato di Serie C. Tre punti mai in discussione con il Perugia trascinato da un super Elia (doppietta) con Bianchimano che si conferma ancora utilissimo al sesto gol del suo campionato. Poi Melchiorri entra e cala il poker su rigore. La corsa al primato continua.

 

 

Il Perugia prende da subito le redini del gioco in un primo tempo di chiaro marchio biancorosso. Il Legnago aspetta e prova a ripartire. Ci provano subito Elia (2'), Kouan (8'), Burrai su punizione (10'), poi Falzerano - anche oggi ispirato - tenta una delle sue percussioni ma il tiro viene murato dalla difesa avversaria (25'). Serve un'autentica magia per sbloccare la partita: sugli sviluppi di un angolo Favalli rimette la palla in mezzo all'area, la difesa del Legnago respinge e appena fuori area, appostato, Elia fa partire un destro di prima intenzione che termina la sua traiettoria proprio sotto l'incrocio dei pali (25', 1-0). Il Perugia trovato il vantaggio allenta la pressione per cercare la profondità alle spalle di un Legnago che però fatica a essere incisivo nell metà campo avversaria. Sul finire della prima frazione Bianchimano, dopo un'ottima preparazione, spreca l'occasione del raddoppio tirando a lato da buona posizione (42').

 

 

A inizio ripresa il Perugia cerca con convinzione il raddoppio. Dopo la parata di Pizzignacco sul bolide di Burrai (56') è ancora abile Elia a sfruttare una carambole che gli permette di presentarsi da solo davanti al portiere del Legnago: il tocco sotto le gambe di Pizzignacco è geniale oltre che vincente (60', 2-0). Poi è Bianchimano a calare il tris finalizzando un assist di Di Noia nato da un recupero del pallone di Melchiorri (76', 3-0). Poi Melchiorri si procura un rigore che trasforma di potenza (91', 4-0) facendo calare i titoli di coda sul match